Intelligenza artificiale, antropica Claude sfida ChatGPT. Le differenze e i pro e contro

Il panorama dell'intelligenza artificiale (IA) in tumultuosa evoluzione, con Anthropic che si posiziona accanto a OpenAI come leader nelle IA generativa.

Intelligenza artificiale, antropica Clau
Lorenzo Pascucci 

Il panorama dell'intelligenza artificiale (IA) è in tumultuosa evoluzione, con Anthropic che si posiziona accanto a OpenAI come leader nella IA generativa. Il suo ultimo sviluppo, Claude 2.1, è stato annunciato come una svolta significativa nel campo dei grandi modelli linguistici (LLM), con una capacità di contesto e una fedeltà straordinarie.

Claude 2.1

La nuova versione di Claude, denominata 2.1, vanta una finestra di contesto di ben 200.000 token, che rappresenta il doppio rispetto al suo predecessore e supera il recente GPT-4 Turbo, offrendo circa 150.000 parole di comprensione per un singolo prompt - equivalenti a 500 pagine di testo. Questa ampiezza di visione consente a Claude 2.1 di processare in un solo prompt materiali complessi come l'Odissea o l'Iliade.

  • Capacità di gestire documenti di grandi dimensioni perfettamente in un'unica sessione.
  • Risposte più coerenti e contestualmente adeguate.
  • Potenziale di elaborazione testi come codici o contratti particolarmente estesi.
  • Riduzione di due volte del tasso di allucinazione e di risposte erronee

Claude 2.1 è ora accessibile attraverso l'API nella Console e supporta l'esperienza di chat su Claude.ai. Non è ancora direttamente disponibile in Italia, ma è possibile testarlo tramite piattaforme di terzi come Poe.

Il confronto con ChatGPT

La sfida lanciata da Claude 2.1 non è da sottovalutare. Con una più ampia capacità di contesto e potenziali riduzioni nelle risposte inesatte, Claude sembra posizionarsi come un serio concorrente nel campo dell'integrazione IA nelle aziende.

Anthropic non si limita a promettere avanzamenti tecnologici, ma si impegna anche nell'offrire strumenti concreti alle aziende, ad esempio con il tool use, una funzione in beta che permette a Claude di integrarsi con processi e prodotti esistenti.

In termini di costo-efficacia, l'azienda ha annunciato un aggiornamento del pricing, per renderne la tecnologia più accessibile e perfezionare l'esperienza utente tramite una console per sviluppatori semplificata.