Google Gemini presto disponibile anche sugli auricolari? Le indiscrezioni

Il panorama tecnologico in continua evoluzione, e gli assistenti vocali hanno ormai assunto un ruolo di primo piano nelle nostre vite.

Google Gemini presto disponibile anche s
Marcello Tansini 

Il panorama tecnologico è in continua evoluzione, e gli assistenti vocali hanno ormai assunto un ruolo di primo piano nelle nostre vite. Google, sempre all'avanguardia in quest'ambito, potrebbe presto fare un altro passo avanti con Gemini, il suo chatbot basato sull'intelligenza artificiale, precedentemente noto come Bard. Le ultime indiscrezioni suggeriscono che questo sistema potrebbe essere integrato a breve anche negli auricolari.

Gemini estende il suo raggio d'azione

L'ultima versione beta dell'app Google (15.6), ha rivelato alcune stringhe di codice piuttosto interessanti. Si parla di una possibile estensione di Gemini a dispositivi come gli auricolari che supportano Google Assistant, come per esempio i Pixel Buds Pro. Una simile mossa, che andrebbe a coinvolgere una gamma più vasta di dispositivi wearable, è coerente con l'intento della azienda di Mountain View di rendere la propria intelligenza artificiale ancora più accessibile ed utilizzabile in diverse situazioni.

Come funzionerà Gemini sugli auricolari?

Di fronte all'interrogativo su come verranno gestite le risposte fornite da Gemini tramite un dispositivo esclusivamente audio, si ipotizza una sinergia con lo smartphone associato. Non è escluso che risposte più elaborate possano essere visualizzate anche sul display del telefono, oltre ad essere ascoltate. Si prospetta altresì una potenziale personalizzazione della velocità di riproduzione delle risposte vocali, ottimizzando così l'esperienza utente in base alle situazioni d'uso.

Tuttavia, le tempistiche di lancio non sono ancora chiare e alcuni messaggi di errore trovati nel codice suggeriscono che la strada da percorrere sia ancora lunga; il servizio è ancora in fase di test e ottimizzazione.

Nonostante le incertezze sul fronte operativo, il futuro di Gemini nei dispositivi audio sembra promettente. L'esperienza degli assistenti vocali è destinata a un arricchimento significativo, integrando una dimensione di interazione ancor più naturale e pervasiva nella vita quotidiana degli utenti.

Le potenzialità di Gemini attraverso gli auricolari sono notevoli, ma è ancora difficile pronosticare l'effettivo impatto che questa novità avrà sul mercato e sulle interazioni quotidiane degli utenti.