GTA 5: trucchi, segreti, soluzione, easter egg. Sono tanti da scoprire. Eccone alcuni tra i migliori

Cominciano le rilevazioni da parte degli utenti che hanno già messo mano su Grand Theft Auto 5. Tante le sorprese nascoste.

gta 5 novità
 

GTA 5 è finalmente in mano agli appassionati dopo l’uscita di ieri e gli appassionati stanno già scoprendo le meraviglie di uno dei giochi più attesti dell’anno. Tre personaggi giocabili e un’espansione mai vista delle mappe della città di Los Santos fanno di questa nuova release di Rockstar uno dei giochi più lunghi da finire mai realizzato e, come se non bastasse, gli sviluppatori ci hanno messo del loro, riempiendo il gioco di cheats ed easter egg, alcuni già venuti alla luce durante la distribuzione di video e screenshot da parte di Rockstar nei mesi scorsi.


Segreti GTA 5

Dalla Fruit computers ispirata ad Apple alla marca di abbigliamento Anna Rex, chiaro riferimento all’anoressia, il gioco sembra essere disseminato di riferimenti ad aziende e prodotti reali che vengono ripresi a volte con ironia e a volte con citazioni curiose. E dopo un giorno di disponibilità cominciano ad arrivare sul web anche le prime segnalazioni di tesori nascosti e trucchi da seguire per aumentare i propri risultati. L’utente November17R3 ad esempio, ha fornito su Reddit le indicazioni per raggiungere un determinato punto in cui sarebbe possibile recuperare ben 500 mila dollari; per farlo bisogna seguire le indicazioni per il lago Zan e arrivare a mezzo chilometro dopo il Raton Canyon. Lì, nel punto in cui finisce il guard rail, va seguita la strada sterrata lungo le banchine. C’è da dire però che le indicazioni al momento sono state contestate dagli altri utenti che non sono ancora riusciti a trovare il “tesoretto” nascosto.

Un’altra curiosità di GTA 5 è la presenza di alcuni personaggi del precedente episodio impegnati in personali “cameo”; parliamo ad esempio di Johnny Klebitz, il protagonista principale di GTA IV, che appare durante l’introduzione di Trevor. Cosa succederà dopo è meglio non dirlo per non rilevare sorprese emozionanti e allo stesso tempo inquietanti.