Altadefinizione.tv chiuso sito e alternativa apre subito con streaming gratis film e telefilm nuovi. Lotta sempre più dura

Nonostante a chiusura a opera della Guardia di Finanza, il sito Altadefinizione.tv rinasce sotto altre spoglie. La difficile lotta alla pirateria.

Altadefinizione.tv chiuso sito e alternativa
 

Se non è una guerra del gatto contro il topo poco ci manca. Da una parte ci sono le forze dell'ordine che setacciano il web a caccia di quei siti che condividono lo streaming e il download di film e serie TV ovvero di contenuti multimediali protetti dal diritto d'autore. Dall'altra ci sono i creatori di queste piattaforme che, noncuranti dei provvedimenti di sequestro, trovano altri modi e nuovi espedienti per rinascere. Questa è l'esatta dinamica della vicenda del portale Altadefinizione.tv, fino a poche ore fa uno dei siti più visitati in Italia per la ricchezza e la completezza dei suoi contenuti. La Guardia di Finanza di Lecco gli ha messo i sigilli, ma sotto altre spoglie è di nuovo disponibile con tanto di link per scaricare i film.

Con una semplice ricerca sul web, sui forum di discussione o sulle piattaforme di social network è possibile risalire al nuovo portale. Noi non lo indichiamo come segno tangibile della nostra contrarietà alla pirateria digitale. Anzi, invitiamo a utilizzare i soli canali legali per la visione di film in streaming. A ogni modo, questo episodio testimonia come la lotta alla pirateria sia sempre più difficile.

Secondo le Fiamme gialle, il sito Altadefinizione.tv utilizzava sistemi complessi per nascondere "la reale ubicazione dei server ospitanti". Da qui le difficoltà incontrate "nell'individuazione del responsabile che, per non lasciare tracce virtuali che potessero ricondurre a lui, ha utilizzato anche documenti di soggetti estranei alla vicenda e connessioni protette". Il server contestato era comunque localizzato all'estero e le investigazioni hanno permesso di giungere "all'identificazione del pregiudicato milanese e alla ricostruzione dell'articolata architettura informatica". Come sottolineato dalla Guardia di Finanza, è stata decisiva la collaborazione delle federazioni FPM e FAPAV che tutelano i contenuti audiovisivi e combattono la pirateria musicale e multimediale.