Vendite computer e notebook in crescita nel 2008. Trainate dai netbook. Acer primo superando HP.

I dati forniti da Idc e Gartner relativi alla vendita dei computer portatili e desktop nel terzo trimestre 2008.

 

Durante il terzo trimestre del 2008, le vendite globali di computer (desktop, notebook e netbook) hanno raggiunto quota 80,6 milioni di unità, pari a una crescita del 15% rispetto al periodo luglio-settembre dello scorso anno. In particolare, nell’area EMEA (Europa, Middle East, Africa) le vendite si sono attestate a 30 milioni di pezzi, mentre la crescita registrata nella sola Europa è nell’ordine di 25 punti percentuali.

Sono questi i dati forniti da Idc e Gartner, che evidenziano una buona condizione di salute del settore nonostante la crisi finanziaria in corso. Certo, come abbiamo scritto ieri per i risultati di IBM e Intel, è necessario attendere i dati dell’ultimo trimestre dell’anno per capire se e in che termini la crisi abbia influito sul mercato dei computer. È soprattutto negli Stati Uniti che la situazione appare incerta: le vendite dei PC nell’area EMEA sono cresciute, infatti, cinque volte più velocemente rispetto agli USA.

A trainare il mercato dei computer sono soprattutto i netbook, che in Europa (e non solo) hanno contribuito a determinare un cambio della classifica di vendite dei produttori. Nella zona EMEA, infatti, Acer ruba il podio a HP, raggiungendo una quota di vendite del 20,6% contro il 18,7% di HP. A pesare sul risultato il prezzo d’acquisto dei netbook HP, che montano un processore VIA C7 più costoso della CPU Atom adottata da Acer.

Tuttavia, a livello mondiale, HP si conferma al comando, con un market share del 18,4%, seguita da Dell con il 13,6% e da Acer che, grazie alle ultime performance, ha raggiunto il 12,5%. Al quarto posto si piazza Lenovo (7,3%) e al quinto Toshiba (4,6%).

Autore: Pierluigi Emmulo

Ultimi articoli correlati: