Vendita prodotti elettronici in calo in Italia dopo molti anni. Si salvano PC portatili e fotocamere

Non gode di ottima salute il mercato dei beni di consumo durevoli in Italia, in particolar modo arretrano in maniera netta i prodotti elettronici. A dirlo l'ultimo rapporto di Gfk Marketing Services Italia.

 

Non gode di ottima salute il mercato dei beni di consumo durevoli in Italia, in particolar modo arretrano in maniera netta i prodotti elettronici. A dirlo l’ultimo rapporto di Gfk Marketing Services Italia, in base alle rilevazioni effettuate da gennaio a maggio 2008.

Il settore Consumer Electronics ha chiuso i primi 5 mesi dell’anno con un calo di un punto percentuale. Un risultato condizionato dal bilancio in pareggio del comparto più importante, quello del video, e dalla flessione avvenuta sia nell’audio statico (-6%) che in quello portatile (-13%).

Più contenuta, ma non troppo, la flessione registrata nel comparto car, con una perdita di 5 punti percentuali. L’unico segnale positivo arriva dal comparto degli accesori, ovvero da cuffie e telecomandi, che cresce del 24%.

E se nei primi tre mesi dell’anno il comparto video era in positivo, maggio si chiude con un calo del 4%, dovuto principalmente al segno meno ottenuto da TV al plasma, TV CRT, camcorder, DVD player e recorder e decoder TV. A nulla è valsa, quindi, la buona performance dei televisori LCD, che chiudono con una crescita di 6 punti percentuali.

Brutte notizie anche dal comparto dei cellulari: nel Paese dove si contano più telefonini per abitante le vendite appaiono in calo. Tengono solo gli smartphone, ma ancora costituiscono un mercato di nicchia.

Un po’ d’aria positiva, invece, arriva dal comparto delle macchine fotografiche digitali, che crescono di 13 punti percentuali. Gli italiani sembrano apprezzare particolarmente le reflex digitali di ultima generazione, adatte a un’utenza consumer e dai prezzi piuttosto contenuti.

Crescita a due cifre (+10%) anche per i PC portatili, che a maggio toccano quota +50% per unità vendute. E vanno bene anche le console per videogame.

Autore: Pierluigi Emmulo

Ultimi articoli correlati: