Nokia N8, Nokia C7, Nokia E7-6, Nokia C6-01, Nokia X7: aggiornamento Symbian Belle Refresh. Novità

L’azienda finlandese rende disponibile l’update al sistema operativo Nokia Belle Refresh per alcuni dei suoi smartphone più datati. Il futuro appartiene a Windows Phone.

Al via l'aggiornamento al Symbian Belle Refresh
 

Al via da oggi l’aggiornamento al sistema operativo Nokia Belle Refresh e la successiva installazione su alcuni dei tanti modelli degli smartphone dell’azienda finlandese. I dispositivi coinvolti in questa prima fase sono il Nokia N8, il Nokia C7, il Nokia C6-01, il Nokia X7 e il Nokia Oro (software versione 111.040.1511). A breve sarà il turno del Nokia E6 Belle Refresh (versione 111.140.0058) e successivamente del Nokia 500. Nonostante l’update, la società scandinava ha da tempo deciso di puntare sulla collaborazione con Microsoft, ed esattamente sul sistema operativo di casa Redmond, Windows Phone, per provare a recitare una parte da protagonista nel campo della telefonia.

L’aggiornamento a Symbian Belle Refresh porta con sé una serie di novità. Risoluzione di una serie di bug a parte, sono implementati altri widget per la homescreen, un nuovo programma di navigazione con supporto alle HTML5 Web Apps e la versione aggiornata delle Nokia Maps. E ancora, un lettore musicale più efficiente e le applicazioni della suite di produttività personale in versione mobile di Microsoft Office. Su stessa ammissione di Nokia, vanno messi in conto eventuali problemi di compatibilità con alcune applicazioni. Gli stessi disagi erano stati riscontrati in occasione del passaggio a Nokia Belle.

Si può procedere all’update direttamente dal cellulare via OTA (over-the-air). Da segnalare che i primi dispositivi a riceverlo saranno quelli senza brand. A ogni modo, agli orizzonti del mondo Nokia si possono vedere i nuovi modelli della serie Lumia. Si tratta del Lumia Phi (di fascia alta) e Lumia Arrow. Già il 5 settembre se ne potrà sapere di più in occasione della conferenza convocata in collaborazione con la società di Redmond.

Per Nokia e per la stessa Microsoft si tratta di un momento cruciale della loro presenza nel segmento mobile. Stando alle analisi dei principali esperti dal settore, dalla battaglia legale in corso fra Samsung e Apple (la prima è stata condannata a un risarcimento pari a 1,05 miliardi di dollari per violazione di brevetti) la multinazionale coordinata dal CEO Stephen Elop potrebbe trarre molti benefici. Non a caso, alla notizia della sentenza del Tribunale di San José in California, il titolo di Nokia ha guadagnato quasi il 7%.