HP acquista Aruba Networks: le prospettive e le strategie

Raggiunto l'accordo per l'acquisizione di Aruba Networks da parte di Hewlett Packard per una cifra vicina a 3 miliardi di dollari.

HP acquista Aruba Networks
 

La multinazionale statunitense Hewlett Packard ha acquistato Aruba Networks, uno dei principali fornitori di rete di nuova generazione. Il valore del patrimonio netto della transazione è di circa 3 miliardi di dollari che, al netto della cassa e dei debiti, arriva a circa 2,7 miliardi di dollari. HP pagherà 24,67 dollari ad azione ovvero con un piccolo ribasso rispetto alla chiusura di venerdì. Non si tratta di un accordo che ha colto di sorpresa esperti del settore e investitori. Nonostante i tanti no comment da parte dei due vertici aziendali, già da diversi giorni si vociferava dell'acquisizione in tempi brevi.

Dal punto di vista operativo, l'intesa è mirata ad alzare il livello di competitività per consentire alle aziende di sviluppare network mobile di ultima generazione. In buona sostanza la società di Palo Alto diventa più completa e sarà in grado di proporre servizi cloud e Big Data all'utenza business che lavora anche sul versante mobile. Eppure c'è chi, come gli analisti di Forrester, sono piuttosto scettici dinanzi a questa operazione, dicendosi certi che i benefici per i clienti HP e per quelli Aruba saranno limitati.

Aruba, con sede a Sunnyval, ha circa 1.800 dipendenti e nell'anno fiscale 2014 ha fatto registrare un fatturato di 729 milioni di dollari ovvero una crescita dei ricavi del 30% negli ultimi cinque anni. Ai vertici del gruppo di lavoro ci saranno Dominic Orr, Chief Executive Officer di Aruba; Keerti Melkote, Chief Strategy and Technology Officer; Antonio Neri, a capo di HP Enterprise Group. Secondo Meg Whitman, chairman, president e chief executive officer di HP, "le imprese si trovano oggi ad affrontare un mondo che pone al primo posto la mobilità e sono alla ricerca di soluzioni che li aiutino nella transizione dagli investimenti tradizionali al nuovo stile dell'IT".