Giochi online gratis con Google Chrome: lego sulle Maps. Come funziona e video. Presto in Italia

Grafica in 3D, Google Chrome, Google Maps, un mouse e un po’ di fantasia. Ecco il nuovo progetto videoludico della società di Mountain View che fa uso dei mattoncini Lego.

Build With Chrome è un nuovo servizio di Google
 

Le mappe di Google trasformate in una piattaforma per la costruzione di qualunque tipo di edificio con strutture Lego. Benvenuti nel nuovo mondo virtuale creato dalla società di Mountain View. Build With Chrome è un nuovo servizio destinato a catturare l’attenzione (e il tempo) di milioni di utenti di tutto il mondo. I mattoncini colorati diventano protagonisti assoluti di questa esperienza virtuale frutto della collaborazione fra l’azienda coordinata dal CEO Larry Page e la multinazionale danese dell’edilizia videoludica. Il risultato è ciò che Mountain View ha definito “esperienza di costruzione collaborativa in 3D”.

In buona sostanza si tratta di vestire i panni di costruttore su ambienti realmente esistenti. Non si tratta di un semplice gioco. Stando a quanto riferito dagli ingegneri di Google, solo due anni fa un progetto di questo tipo sarebbe stato da catalogare come pura fantasia. L’elemento chiave della Build With Chrome sono le WebGL (Web-based Graphics Library) associate, almeno in questa prima fase, alla sola mappa dell’Australia. In seguito è prevista l’estensione del servizio nel resto del mondo, Italia compresa. Nel video dimostrativo realizzato da Mountain View viene raffigurato il celebre ponte di Sydney.

L’unico requisito per poter disporre di queste 8 milioni di mattonelle è l’installazione del browser Google Chrome e la dotazione di un comune mouse. Tutte le realizzazioni casalinghe possono essere salvate e condivise su Google+.

Spiega Lockey McGrath, product marketing manage di Google Australia e Nuova Zelanda, sul blog ufficiale: "Questo esempio di costruzione 3D collaborativa non sarebbe stato possibile un paio di anni fa". E ancora, "Build dimostra a che punto è arrivata la nostra tecnologia e come il web possa essere un’incredibile piattaforma per lo sviluppo della creatività. Per realizzare i mattoncini abbiamo utilizzato WebGL, che fornisce al browser un potente supporto per le grafiche 3D e tocca il limite più elevato per quanto riguarda le attuali performance grafiche di WebGL. In un secondo momento abbiamo integrato il tutto con Google Maps (altra invenzione australiana) così da darvi la possibilità di posizionare la vostra creazione in un mondo fatto di Lego accanto a quella di chiunque altro".