WiMax: offerte da 10 euro da Aria, unico provider nazionale. Confronto concorrenti e con ADSL.

Le proposte di Aria per il WiMax in Umbria. Confronto con le soluzioni di connettività ADSL.

 

Aria, l’operatore umbro che si è aggiudicate le licenze WiMax per tutto il territorio italiano, sta mantenendo la promessa di iniziare a fornire i propri servizi nei primi mesi del 2009, con l’obiettivo di dare priorità alle zone svantaggiate che soffrono il digital divide e che più di altre hanno bisogno di soluzioni alternative di qualità all’ADSL.

Si partirà proprio in Umbria, quando, dal 2 febbraio gli abitanti, le istituzioni e le aziende di 21 comuni potranno richiedere all’operatore l’attivazione del servizio WiMax. Aria prevede tre tipi di proposte: due per la casa e una per l’ufficio.

Aria Casa 4Mb offre una velocità di navigazione in download fino a 4 Megabit e in upload fino a 256 Kbps, 3 account di posta elettronica con capacità fino a 500 Mega con antivirus e antispam. Il canone mensile è di 15 euro, ma, per chi si abbona entro il 28 febbraio, i primi 3 mesi sono in promozione a 10 euro. Previsto un canone di noleggio del modem WiMax AriaBox (5 euro per la versione Wi-Fi, 3 euro per la versione non Wi-Fi). Il costo di attivazione del servizio è di 100 euro, ma se si sceglie l’addebito diretto sul proprio conto corrente l’attivazione è gratuita. Aria Casa 7Mb si differenzia dall’offerta precedente per la velocità di connessione in download fino a 7 Megabit e in upload fino a 512 Kbps e per il canone mensile: 20 euro, 15 in promozione per i primi 3 mesi per chi si abbona entro fine febbraio.

Aria Ufficio, la proposta per l’utenza business, prevede sempre velocità fino a 7 Megabit in download e fino a 512 Kbps in upload, ma assicura una velocità media minima di navigazione di 100 Kbps. 30 euro il canone mensile, 20 euro in promozione per i primi 3 mesi.

Da aprile, Aria proporrà anche un’offerta VoIP inclusa nel canone. Al momento un servizio VoIP è già presente nell’offerta di Linkem, uno dei concorrenti WiMax dell’azienda umbra, le cui proposte partono da 20 euro al mese. Sul mercato c’è anche Freemax, con offerte da 19,89 euro al mese, e a breve anche Telecom Italia, per portare il WiMax nelle zone in cui l’incumbent non prevede di attivare l’ADSL.

Se vi chiedete a chi convenga il WiMax, la nostra risposta è la seguente: a chi non è raggiunto dall’ADSL tradizionale o a chi vuole risparmiare optando per Aria Casa 4 Mb. Certo, occorre accontentarsi di una velocità inferiore a quelle delle ADSL, che arrivano fino a 20 Mb. Il WiMax è consigliato anche a chi vuole togliere il telefono residenziale e non pagare più il canone Telecom e affidarsi per le telefonate ai servizi VoIP. Ma può essere un’alternativa interessante anche ad altri tipi di tecnologie a banda larga, quali le connessioni mobili ad alta velocità e l’Hiperlan.

È ancora presto per dire se e in che modo la tecnologia WiMax riuscirà a catturare il favore degli utenti: il 2009, d’altronde, si prospetta ricco di proposte per l’accesso e la navigazione su Internet.

Autore: Andrea Galassi

Ultimi articoli correlati: