iTunes Match: musica pirata diventa legale. Come funziona.

Apple ha reso disponibile la versione beta di iTunes Match. Il servizio permette agli utenti di iPhone, iPad e iPod touch di sostituire la propria musica con una versione ACC DRM-free a 256kbps.

iTunes Match è disponibile negli USA in versione beta
 

Apple ha reso disponibile per il download iTunes 10.5.1. Negli USA, l’aggiornamento porta con sé anche la versione beta di iTunes Match. Non è noto, invece, quando il servizio debutterà in Italia.

iTunes Match è parte integrante di iCloud e permette agli utenti di iPhone, iPad e iPod touch di sostituire la propria musica con una versione ACC DRM-free a 256kbps, laddove sia possibile abbinarla agli oltre 18 milioni di brani presenti su iTunes Store.

iTunes Match si propone di offrire agli utenti dei dispositivi Apple iOS i medesimi vantaggi forniti attraverso iTunes in the Cloud. Quest’ultimo, infatti, è un servizio che consente di scaricare su tutti i dispositivi iOS la musica acquistata in precedenza su iTunes, senza alcun costo aggiuntivo. iTunes Match si occupa di trovare corrispondenze tra i brani musicali non acquistati da iTunes e quelli proposti nello store online di Apple. Allo scopo di portare in dote agli utenti una versione ACC DRM-free a 256kbps degli stessi, e quindi assicurare un audio di maggiore qualità. Anche per quei brani musicali che gli utenti hanno aggiunto alla propria libreria ricorrendo a circuiti di file sharing e di P2P che veicolano contenuti in violazione del diritto d’autore.

Di mezzo ci sono gli accordi siglati da Apple con le major discografiche, disposte, a quanto a pare, a rendere disponibili anche per brani pirata versioni con qualità audio superiore. Una disponibilità che ha un costo: 24,99 dollari la cifra richiesta per l’abbonamento annuale ad iTunes Match.