Chat unica per Nokia, BlackBerry, Android, iPhone per comunicare tra cellulari diversi

La chat singola? Fa parte del passato. Il software di messaggistica istantanea WhatsApp permette di comunicare fra possessori di device con sistema operativo differente. Esiste un problema di privacy?

WhatsApp
 

Abbattuti i muri fra sistemi operativi. Il software di messaggistica istantanea WhatsApp consente la comunicazione tra dispositivi equipaggiati con Symbian di Nokia, Android di Google, le varie versioni per il BlackBerry di RIM e iOS di Apple. Come si legge sul sito ufficiale, dove è possibile scaricare l’applicazione, “la chat singola è ormai parte del passato”.

WhatsApp consente di inviare sia messaggi di testo e multimediali (foto, video e audio), senza alcun costo, utilizzando le notifiche Push. Utilizzando Instant Contacts è possibile spedire SMS immediati dalla rubrica così come prepararli offline. Lo sfondo della chat è personalizzabile con immagini a scelta e, in linea con tutti gli strumenti di comunicazione social, permette di impostare uno status personale.

A non essere gratuite sono le telefonate. Chi utilizza la funzione “Chiamata” si vedrà addebitati i costi del gestore di riferimento. Al momento dell’installazione viene richiesto il numero di telefono perché “è così che WhatsApp distribuisce i messaggi chat tra te e i tuoi contatti”. Ma, assicurano gli ideatori del servizio, “non abbiamo venduto, non vendiamo e non venderemo mai i tuoi dati personali a qualcuno”.

Ultimamente sembra che siano sorte alcune polemiche in merito alla presunta carenza di privacy assicurata agli utenti di WhatsApp. Il portale Security By Default punta il dito contro la modalità di immagazzinamento dei dati. Oltre alla presenza di file, incancellabili, in cui sono presenti i messaggi inviati e ricevuti, sarebbero salvate anche le coordinate geografiche del luogo di spedizione.

Autore: Fabio Lepre