Windows 10 e Intelligenza artificiale: grazie al Machine Learning le app del futuro per business e aziende

La nuova piattaforma di riferimento sarà Windows ML, disponibile nel contesto del maxi aggiornamento Redstone 4 della prossima primavera.

Arriva la piattaforma Windows ML
 

Sempre più spazio all'intelligenza artificiale anche dalle parti di Microsoft. Se le coordinate erano note da tempo perché poi è questo il comparto su cui i grandi produttori stanno investendo sempre maggiore tempo e risorse, la novità è adesso rappresentata dalle conferme della stessa società di Redmond. Ad aver indicato la strada è stato questa volta Kevin Gallo, vicepresident of the Windows Developer Platform di Microsoft in occasione del Windows Developer Day. Più esattamente ha rivelato come le prossime funzionalità che il sistema operativo Windows 10 farà salire a bordo saranno proprio quelle relativa all'intelligenza artificiale.

Arriva la piattaforma Windows ML

Ed entrando ancora di più nei dettagli, la nuova piattaforma di riferimento sarà Windows ML, disponibile nel contesto del maxi aggiornamento Redstone 4 della prossima primavera. La strategia da tempo adottata dalla multinazionale statunitense è infatti quella di proporre update sostanziosi ma sempre nell'ambito di Windows 10. Ecco allora che la nuova piattaforma si rivelerà preziosa per quegli sviluppatori di app per Windows 10 desiderosi sfruttare i modelli di apprendimento automatico all'interno delle app. Non si tratta di una novità assoluta poiché Microsoft sta utilizzando l’intelligenza artificiale nella suite di produttività personale Office 365, all'interno dell'app Foto e persino con il facciale Windows Hello.

Come spiegato, il modello di valutazione ML è ottimizzato per l'efficienza sui diversi chip che fanno girare Windows. Gli sviluppatori possono importare modelli di apprendimento esistenti da diverse piattaforme di intelligenze artificiale e di eseguirli sui PC equipaggiati con sistema operativo Windows 10. Ebbene, usando le ottimizzazioni del set di istruzioni sulle moderne CPU, l'accelerazione hardware sulle GPU che supportano DirectX 12 e in futuro un driver model per processori dedicati all'intelligenza artificiale, la società di Redmond fornirà prestazioni ed efficienza su un'ampia gamma di form factor. Windows ML permette allora agli sviluppatori di creare app più potenti per gli utenti che utilizzano Windows 10.

Aspettando la Build 2018

Vale la pensa rilevare che Windows 10 supporta ONNX, un formato standard per i modelli di machine learning compatibili con Microsoft, Facebook e Amazon Web Services e da diverse aziende tra cui NVIDIA, Intel, Qualcomm e AMD. I data scientist possono così addestrare e fornire modelli ONNX agli sviluppatori Windows che usano Azure Machine Learning Workbench e, prossimamente, anche Azure Custom Vision Service supporta la creazione di modelli ONNX per Windows. In ogni caso maggiori dettagli su Windows ML durante salteranno fuori in occasione della Build 2018 nel mese di maggio.