Pubblicità online 2018, statistiche formati e banner migliori in Italia. E le previsioni 2019

E' boom di investimenti nella pubblicità online e cresce anche la radio grazie alla tecnologica digtale: dati di quest'anno e previsioni

Pubblicità online 2018 statistiche formati banner previsioni
 

Internet e la continua e costante crescita esponenziale del web hanno decisamente cambiato il mondo della comunicazione ma anche della pubblicità, nonostante Internet sia ancora poco usato da molte aziende. Ma oggi fare pubblicità su Internet è fondamentale per promuovere i propri prodotti o servizi, ma anche per farsi conoscere sfidando la concorrenza.

Fare pubblicità online parte dalla definizione degli obiettivi che si intendono raggiungere e cioè se si vuol spingere gli utenti a fare acquisti, se si vogliono aumentare fan base sui social o i visitatori del proprio e una volta definiti gli obiettivi si passa alla definizione del target, identificando, cioè, il pubblico cui si si vuol rivolgere e in base ad esso delineare il tipo di pubblicità o campagna scegliendo il miglior linguaggio. Il tutto, ovviamente, seguendo un preciso percorso grafico e avendo a disposizione un budget predefinito. E’ bene sapere che avere un buon budget da investire su diversi canali come Google Adwords o Facebook Ads aiuterà nell’obiettivo di una pubblicità online efficace. Ma come va la pubblicità online in Italia e quali sono le previsioni per il prossimo 2019?

Pubblicità online 2018: statistiche formati e banner migliori in Italia

L’industria della pubblicità online chiuderà il 2018 in Italia raggiungendo una soglia di ben tre miliardi di euro, registrando una crescita dell’11% rispetto allo scorso 2017. Secondo quanto spiegato da Carlo Noseda, presidente di IAB Italia, la grande crescita della pubblicità online dipende soprattutto dagli OTT (over the top) come Google, Facebook e Amazon, che detengono ad oggi il 75% del mercati. E digital, radio e tv sono risultati i mezzi che trainano il mercato pubblicitario 2018. In questo contesti, il digitale risulta avere un ruolo primario e fondamentale per lo sviluppo dell’economia italiana con il comparto della pubblicità online che cresce ancora sfiorando nel 2018 i 3 miliardi di euro.

Del resto, come emerso dalle ultime notizie, il valore del digitale rappresenta oltre un terzo degli investimenti pubblicitari italiani ed è secondo solo alla raccolta pubblicitaria del mezzo televisivo. Tv e web quest’anno, infatti, si divideranno il 77% della raccolta complessiva, dove la tv, pur rimanendo al primo posto con il 45% degli investimenti, ha lasciato quote al digitale, mentre la radio si conferma un mezzo resiliente, con una crescita del 4,2%, e la stampa segna ancora una decrescita (-8,3%).

Ma quali sono formati e banner migliori? Per quanto riguarda i singoli formati pubblicitari online, continua a detenere il primato la display, con i banner tradizionali, i video, i diversi spazi all’interno dei social network e i nuovi formati native, che vale il 62% dell’intero mercato e cresciuta nel 2018 grazie soprattutto ai formati video, ampiamente diffusi anche sulle piattaforme social, che crescono del 24%. Registra una crescita di oltre il 30% anche la raccolta derivante dai diversi formati native; a seguire troviamo la componente legata alla search, con il 28% circa del totale investimenti in pubblicità online, e con un incremento stimato per fine anno appena sotto le due cifre percentuali; la raccolta derivante dalla classified (in crescita nell’intorno del 7%) e dall’email (+3%); il programmatic che, con 482 milioni di euro di investimenti nel 2018, ha un peso sul totale della pubblicità online del 16% (15% nel 2017).

Pubblicità online 2018: le previsioni per il prossimo 2019

Stando ai recenti dati resi noti, la pubblicità online continua a crescere. Nella prima metà di quest’anno ha registrato un +12,3%, raggiungendo la cifra di 10 miliardi di euro, il 40% della pubblicità digitale totale; e in un contesto più ampio, la Display ha registrato un +17,9% nell’area dell’Europa Centrale e Orientale e un +11,2% in Europa Occidentale; e in crescita è risultata anche la Search, con un +10,2%, a quota 46% del totale della pubblicità online.

A trainare la crescita il video. E le previsioni parlano di una ulteriore crescita anche per il prossimo 2019. Secondo le ultime notizie, la spesa per la pubblicità online supererà i 50 miliardi di euro entro la fine dell’anno, destinata ad una ulteriore crescita per il prossimo anno.