Nuovo virus che ruba Bitcoin: arriva via email spesso sotto forma di documento word

Virus che riba i bitcoin esplorando il pc della vittima: come funziona, come si prende e come si potrebbe contrastare

Nuovo virus Bitcoin email documento word
 

Aumentano, e anche notevolmente i virus per la produzione di Bitcoin e le ultime notizie riguardano un nuovo virus che ruba i Bitcoin e che, secondo quanto spiegato, arriverebbe via email spesso sotto forma di documento word. Questo virus entrerebbe nel computer dell’utente danneggiato andando alla scoperta di tutto il contenuto dello stesso pc e decidendo se attaccarlo o meno. Ma come funziona il nuovo virus e come ci si potrebbe proteggere da esso?

Virus che riba i Bitocoin: come funziona

Le ultime notizie confermano, infatti, l'evoluzione di un virus solo qualche settimana fa si è verificato un attacco hacker che ha provocato un forte calo dell’ultimo mese dei Bitcoin e gli esperti di sicurezza di Kaspersky Lab e di McAfee hanno confermato come il numero degli utenti che subisce attacchi da parte di virus per la produzione di Bitoin sia notevolmente aumentato. Sempre gli esperti di Kaspersky hanno spiegato come il nuovo virus di 'attacco' ai Bitcoin venga divulgato tramite email di spam con allegati di documenti word o Pdf che lo contengono.

Basta, dnque, cliccare su questi documenti per permettere al virus di inserirsi nel proprio pc e in base alle caratteristiche di quest'ultimo o a cosa contiene il pc stesso decide se attivare la funzionalità di criptovalute per la sottrazione dei Bitcoin. Secondo gli esperti, però, si tratta di un virus che si può rilevare e contrastare, basta semplicemente avere l’antivirus specifico che sia in grado di individuarlo e bloccarlo esattamente come avviene in tanti altri casi di attacco di virus.

Bitcoin: cosa sono e come funzionano

Considerati da tanti la moneta del futuro, i Bitcoin nascono come valuta virtuale nel 2009, moneta cioè non reale ma che permette comunque di acquistare cose reali. Non esistendo in maniera concreta non ci sono organismi o banche che li controllano e hanno un valore variabile molto variabile anche se la sua modulazione si basa sugli stessi sistemi che regolano l’andamento delle monete reali.

Il Bitcoin viene considerata da molti moneta del futuro perché soprattutto negli ultimi tempi ha riscosso grandissimo successo generando non pochi profitti. Tuttavia, c’è chi pensa che si tratti di uno strumento oggi finanziario destinato a scomparire del tutto. L’uso del bitcoin permette di mantenere l’anonimato anche se ogni bitcoin ha un intestatario per poter essere usato una sola volta e la privacy è garantita dal fatto che è lo stesso possessore a decidere se rivelare la sua identità, o meno, durante la transazione.

Per generare Bitcoin (mining) bisogna avere un hardware specializzato in estrazione di Bitcoin e, se si fa parte di un Pool, cioè a una rete specializzata nella creazione di Bitcoin, bisogna fornirle risorse di calcolo del nostro computer. Il procedimento richiede, infatti, un’altissima potenza di calcolo, necessaria per decriptare gli algoritmi alla base dei Bitcoin. E’ tuttavia possibile comprare i bitcoin scambiandoli con l’euro, in Rete o in sportelli fisici.