Free Play Club online di nuovo dopo chiusura con Italianshare.net. Sequestri siti troppo facili

Il sito Free Play Club è tornato online dopo il sequestro preventivo. Dopo il forum alfemminile.com, un altro caso che si chiude positivamente, ma in Italia manca una legislazione chiara in merito.

Free Play Club, nuovamente online dopo il sequestro preventivo
 

Il sito freeplayclub.org è tornato online, dopo il sequestro all'interno dell'operazione Italianshare.net, perché non ospitava nessun file protetto da diritto d'autore né alcun link che portasse a file pirata condivisi su Internet. Dopo il sequestro preventivo e le proteste dell'amministratore del sito, dunque, la vicenda sembra essersi risolta in maniera positiva.

La conferma è arrivata anche dalla Guardia di Finanza di Agropoli, responsabile della prima richiesta di blocco del sito, che ha imposto ai provider di rimuovere il filtro DNS che impediva di raggiungere freeplayclub.org.

Una decina di giorni fa era stato annullato anche il sequestro della sezione "Linea, salute e benessere" del forum alfemminile.com, in quanto il sito era estraneo ai fatti contestati in un primo momento (commercio illegale di sostanze anoressizzanti e dopanti).

Nonostante questi due casi si siano risolti in maniera positiva, anche se dopo alcuni giorni di chiusura dei siti, resta un problema di fondo: il sequestro dei siti è diventato troppo semplice, la legislazione in materia è carente e diventa così difficile avere linee chiare di azione. La discrezione dei PM porta spesso a sequestri preventivi ingiustificati.

Una soluzione potrebbe essere un dialogo più approfondito tra Pubblici Ministeri e Polizia Postale, ma finché non esisterà una legge chiara per questo tipo di interventi difficilmente riusciremo ancora a evitare danni per la Rete italiana.