Filmgratis e Scaricolibero chiusi dopo Megavideo e Videoweed. Blocco film pirati in Italia da GdF

Due siti che offrivano link a materiale pirata (Filmgratis e Scaricolibero) sarebbero stati sequestrati dalla Guardia di Finanza.

Filmgratis pirata sequestro
 

A quanto sembrava, i siti Scaricolibero e FilmGratis sarebbero stati chiusi dalla Guardia di Finanza, su ordine del Tribunale di Parma che avrebbe dato mandato al Gruppo Tutela Mercato Beni e Servizi delle Fiamme Gialle di sequestrare i due siti con l'accusa di pirateria e forse anche di ricettazione, secondo quanto riportano alcune fonti.

Il condizionale è d'obbligo, perché stanno girando anche alcune voci che dicono che potrebbe trattarsi di uno scherzo. Al momento sembra che stiano indagando i nuclei della Guardia di Finanza di Verona e di Roma. Il testo relativo al sequestro da parte delle Fiamme Gialle è scomparso dai due siti, che risultano però ancora irraggiungibili. Non è chiaro che cosa stia succedendo e notizie più certe si potranno avere solo seguendo l'evolversi degli eventi.

I due siti ospitavano forum in cui gli utenti si potevano scambiare link a materiale pirata, come film, serie TV e musica, ma anche software e ebook. I forum offrivano anche contenuti in streaming. Non solo: FilmGratis stava anche lavorando per rendere di nuovo disponibile questo servizio, appoggiandosi su nuovi server.

Non è un mistero che la stretta per la difesa del copyright si sia fatta sentire molto più forte anche in Europa e in Italia, dopo le recenti operazioni che negli Stati Uniti hanno portato alla chiusura di servizi come Megaupload e Megavideo e all'arresto del suo responsabile. Dopo questa operazione molti siti hanno ridimensionato i propri servizi (come Videoweed) oppure hanno scelto di chiudere i battenti dopo tanti anni (come ha fatto BTJunkie, uno dei motori di ricerca per torrent più utilizzato dagli utenti).

La strategia della linea dura ultimamente sembra portare dei risultati e in Rete il dibattito sulla legittimità o meno della condivisione di file protetti da diritto d'autore è di nuovo in una fase molto viva. Ma bisogna ricordare che il modo migliore per sconfiggere la pirateria (o per lo meno per ridurne significativamente i numeri) è l'offerta di contenuti a prezzi onesti, accessibili da tutti i sistemi operativi senza problemi e senza lucchetti digitali che limitino l'utilizzo da parte degli utenti. Ma gli ostacoli, soprattutto nel nostro paese, sembrano ancora molti.