Fattura elettronica pagamenti Pubblica Amministrazione obbligatoria dal 31 marzo 2015: problemi, software, proroga

Si allargano i campi di obbligatorietà della fatturazione elettronica. Dal 31 marzo saranno coinvolte tutte le amministrazioni pubbliche.

Fattura elettronica pagamenti Pubblica Amministrazione
 

Già obbligatoria nei confronti di ministeri, agenzie fiscali ed enti nazionali di previdenza e assistenza sociale censiti nell'elenco Istat, dal 31 marzo 2015 la fatturazione elettronica sarà obbligatoria anche per le operazioni verso tutte le altre amministrazioni pubbliche. Occorre considerare che la fattura elettronica deve essere necessariamente emessa in formato Xml e sottoscritta con firma elettronica qualificata o digitale, da spedire tramite il Sistema di interscambio (Sdi) dell'Agenzia delle Entrate. E se il tetto per l'utilizzo del contante viene portato dagli attuali 999,99 euro a 3.000 euro, sarà indispensabile il tracciamento con la fattura elettronica o comunque uno scontrino visibile al fisco.

Gli utenti coinvolti sono gli operatori economici cioè i fornitori di beni e servizi verso la pubblica amministrazione, obbligati alla trasmissione delle fatture elettroniche e all'archiviazione sostitutiva prevista dalla legge. Poi ci sono le stesse pubbliche amministrazioni che devono effettuare una serie di operazioni collegate alla ricezione della fattura elettronica. E infine gli intermediari, come banche, Poste, commercialisti, imprese ICT ovvero soggetti terzi ai quali gli operatori economici si rivolgono per la compilazione e la trasmissione della fattura elettronica.

In questo contesto si segnala il superamento della carta nella pubblica amministrazione. Ancora un anno e mezzo e poi non resteranno più alibi: dai ministeri ai Comuni, tutto dovrà viaggiare in digitale. A fissare i tempi massimi per il cosiddetto switch off è il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale che detta le regole, uguali a livello nazionale, sul documento informatico. Previsioni tecniche dietro cui si legge la fine, almeno stando alle leggi, della macchina statale come elefante burocratico, labirinto di archivi, palazzo messo su faldone dopo faldone. In realtà parole tipiche, tra cui registro o protocollo, non scompaiono anche se non corrisponderanno più a fogli e pesanti raccoglitori: sarà tutto in bit.