Email: programmi e soluzioni per gestire casella postale al meglio con Microsoft e Google. Gmail, nuove soluzioni

La mail resiste nonostante il modo di utilizzare il web sia cambiato non poco. Alla scoperta di Inbox.

Come cambiano i servizi di posta elettronica.
 

Al tempo dei social network, dei device mobili e dei servizi di cloud, potrebbe sembrare perso il senso e il valore originale del servizio offerto dai servizi di posta elettronica.

I file vengono spesso ora inviati e scaricati attraverso i vari servizi come Dropbox e i social hanno contribuito, con le loro chat, a saltare i passaggi più lunghi della scrittura di una mail soprattutto quando si tratta di messaggi da scambiarsi velocemente.



Ma nonostante tutto le mail continuano ad essere uno strumento essenziali per miliardi di utenti del web e anche per le aziende che possono constatare come l’email-marketing sia ancora uno degli strumenti di pubblicità più utile per raggiungere i potenziali clienti. Al passo coi tempi però, le aziende che offrono servizi di posta elettronica stanno negli ultimi mesi lavorando per offrire prestazioni sempre più performanti.

È il caso del gigante Google ad esempio, che nelle settimane scorse ha lanciato la sua nuova applicazione, per mobile e per desktop, Inbox: si tratta di un tentativo di “reinventare” la posta elettronica, pensata soprattutto per gli utenti del mobile, su cui Inbox è in grado di far visualizzare da subito all’utente il corpo del messaggio, sia esso un link, una newsletter, una serie di immagini ecc.

Con Inbox inoltre le mail vengono organizzate e catalogate in base alla rete di contatti dell'utente stesso, ai suoi interessi, progetti di lavoro, le incombenze del momento e la frequenza dell'invio/ricezione dei messaggi. Un sistema tra l’altro “cloudificato”, con un assistente automatico che si prende l’incombenza di organizzare il flusso per noi. Ci sarebbe a questo punto di preoccuparsi ulteriormente per la privacy, ma Big G, in questo senso, ha assicurato gli utenti sul fatto che i dati sensibili rimarranno assolutamente protetti.