Cloud e strutture hyperscale: le webfarm aumentano i consumi

I consumi che aumentano delle webfarm: ultimi dati ed esempio di nuova webfarme nel milanese. Cosa c’è da sapere

Cloud strutture hyperscale webfarm aumento consumi
 

Le webfarm tendono ad un aumento costante dei consumi dovuto alle operazioni di accensione, mantenimento e di raffreddamento dei server. I componenti hardware, infatti, lavorano 24 ore su 24 e tendono a surriscaldarsi e l’energia necessaria per il loro funzionamento viene trasformata al 99% in calore.

Webfarm: cosa sono

La webfarm rappresenta una serie di server collocati in un unico ambiente per la centralizzazione della gestione, la manutenzione e la sicurezza. E’ possibile che le webfarm contengano sistemi cluster per gestire meglio, attraverso una tipica architettura distribuita, carichi di lavoro pesanti o critici, garantendo, al tempo stesso, affidabilità senza problemi.

Per essere affidabili e funzionare bene, i data center devono mantenere una temperatura costante e permettere al calore di dissiparsi il più velocemente possibile in modo da evitare che il surriscaldamento del processore danneggi definitivamente il server stesso.

I consumi devono essere necessariamente ridotti anche e soprattutto per le cosiddette strutture hyperscale i cui rack (armadi alti in media 2.20 metri e larghi 80 cm contenuti nei data center) possono arrivare anche ad una potenza compresa tra i 15 e i 25 Kw. Se è vero, da una parte, che la potenza dei rack è aumentata, è anche vero, dall’altra, che all’aumento della potenza corrisponde un aumento di calore e consumi.

Webfarm: ultimi esempi e novità

Esempio di grande affidabilità e sicurezza, come riportano le ultime notizie, sarebbe la nuova webfarm di Aruba. Questo grande data center che sorge nei pressi di Milano prevede sistemi progettati e costruiti per soddisfare ed eccedere i massimi livelli di resilienza previsti dal livello Rating 4 (former Tier4) di ANSI/TIA 942-A e si compone di tre edifici: il primo ospita le sale dati (10 in tutto), con una capacità complessiva di 3.600 rack, con una potenza massima raggiungibile di 4 MG, dei 90 MW previsti per l’intero campus; il secondo ospita gli impianti del sistema di raffreddamento e i magazzini a disposizione dei clienti; il terzo, definito motore di tutto, ospita un sistema geotermico per il raffreddamento dell’acqua ad una temperatura di 8-10 gradi, da rimettere in falda dopo il suo impiego.

Il nuovo data center Aruba custodisce un grande patrimonio, meno tangibile dell’oro, ma pur sempre prezioso, e stiamo parlando dei dati delle imprese; i suoi generatori di emergenza garantiscono un’autonomia di 48 ore senza rifornimento; e vanta una struttura completamente ecologica e dotata i tecnologie modernissime e all’avanguardia per garantire i massimi standard di sicurezza, prestazioni ed efficienza energetica, non solo per ridurre l’impatto sull’ambiente, ma anche per assicurare convenienza e qualità dei servizi.