Cellulari con navigatore satellitare superano per utilizzo i GPS grazie alle mappe gratis

Cresce il numero degli utenti che sfruttano cellulari e smartphone per la navigazione satellitare. L'analisi di comScore.

 

Nell’ultimo anno, il numero di utenti che utilizzano cellulari e smartphone come navigatori è aumentato del 68%. A fine febbraio 2010, secondo i dati di una ricerca europea di comScore, gli utenti europei di software per la navigazione satellitare a bordo dei telefonini sono arrivati a quota 21,1 milioni. Tra il 2008 e il 2009, le vendite dei navigatori tradizionali si sono fermate a quota 20,4 milioni di unità.

La crescita più sostenuta si è registrata in Gran Bretagna, dove gli utenti sono arrivati a 5,7 milioni, pari a un balzo in avanti dell’86%. In Italia, invece, sono 4,9 milioni coloro che utilizzano i telefonini per sfruttare anche funzionalità per la navigazione automobilistica e pedonale, con un tasso di crescita del 53%. Il 68% degli utenti usa il sistema di navigazione su cellulari e smartphone mentre è alla guida di un’automobile, il 27% utilizza le mappe anche durante una passeggiata, una corsa o quando va in bicicletta.

Alistair Hill, Senior Analyst di comScore, sottolinea che i software di navigazione per cellulari, grazie anche all’ausilio dei sistemi A-GPS, assicurano ora una precisione che ha poco da invidiare a quella garantita dai tradizionali PND. Le cifre di cui sopra si spiegano alla luce del fatto che i cellulari offrono servizi e funzionalità equiparabili a quelli dei navigatori satellitari tradizionali, prosegue l’analista, con un prezzo di vendita nettamente inferiore.

Non si può dimenticare, inoltre, il ruolo svolto da iniziative come quella di Nokia, che ha reso disponibile gratuitamente la suite Ovi Maps, né il peso che riveste Google Maps, il servizio gratuito di BigG integrato, per esempio, in iPhone.

Autore: Pierluigi Emmulo

Ultimi articoli correlati: