Google e siti web cellulari, tablet, mobile: nuovo algoritmo da domani 21 aprile. Cosa cambia e ottimizzazioni da fare

Da domani Google premierà nei risultati del motore di ricerca i siti ottimizzati per la navigazione da smartphone e tablet. Ecco cosa fare.

Google e siti web cellulari, tablet, mobile: nuovo algoritmo
 

Domani 21 aprile 2015 entrerà in vigore il nuovo algoritmo di Google per il suo motore di ricerca. Cosa cambia? Saranno valorizzati nei risultati proposti agli utenti i siti ottimizzati per smartphone e tablet. L'impatto sarà più significativo di quanto si possa immaginare. Basta fare un'esperienza di navigazione con il proprio cellulare per verificare come sia spesso necessario, ad esempio, utilizzare lo zoom sul testo per facilitare la lettura. La decisione della società di Mountain View di premiare i siti mobile friendly prende le mosse dalla constatazione che la consultazione della Rete da smartphone e tablet è ogni giorno in aumento, ma non l'offerta tecnica non è sempre in linea con la qualità ricercata.

Spiega Google: "L'indicizzazione delle app contribuisce ad accrescere l'utilizzo della tua app tramite Google. I link diretti alla tua app vengono visualizzati nei risultati della ricerca Google su Android, in questo modo gli utenti possono accedere all'ambiente mobile nativo rapidamente e facilmente". E allora, quali ottimizzazioni fare? Come procedere per non essere penalizzati nei risultati del motore di ricerca più consultato sul web? In prima battuta è necessario verificare le caratteristiche del proprio sito. Come anticipato, è sufficiente collegarsi da uno smartphone per rendersene conto. Ma è la stessa azienda statunitense che mette a disposizione non solo gli strumenti di controllo (questa è la pagina del test: www.google.com/webmasters/tools/mobile-friendly), ma fornisce anche alcuni consigli utili.

In particolare, se il proprio CMS offre temi personalizzati, il suggerimento di Google è di assicurarsi che siano ottimizzati per dispositivi mobile. Come? Dal riquadro amministrativo visualizzare il tema del proprio sito e ricercare le parole mobile o responsive nella documentazione del tema. Se è provvisto di un modello dimostrativo, copiare e incollare l'URL nel test per la verifica. Quindi effettuare un ulteriore controllo per assicurarsi che il modello sia veloce utilizzando la sezione Velocità di PageSpeed Insights e che non emergano problemi contrassegnati con Soluzioni da implementare.