Spesometro 2013: soluzioni agli errori e problemi. Spese da inserire, dichiarazioni da usare. Come fare compilazione e consigli

Sono tanti i dubbi relativi alla compilazione dello spesometro 2013. Il suggerimento è di affidarsi a un esperto o di andare alla ricerca di utili consigli via web.

Spesometro 2013: compilazione con nuovo software
 

Questo dello spesometro 2013 è una degli adempimenti più rognosi per privati e per chi si appoggia a commercialisti e associazioni di categorie. Non solo i tempi di comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini dell'IVA sono molto stretti (il 12 novembre per la comunicazione con cadenza mensile, il 21 novembre per quella trimestrale) rispetto al giorno di rilascio della versione definitiva del software con cui provvedere all'adempimento. Sotto questo profilo è stata avanzata al ministro dell'Economia e delle Finanze Fabrizio Saccomanni, al direttore generale dell'Agenzia delle Entrate Attilio Befera la richiesta di slittamento all'inizio del prossimo anno.

Ma mai come questa volta sono stati tanti i dubbi, i ripensamenti e le modifiche, anche in riferimento della struttura del modello, delle regole dell'operazione. Il dubbio maggiore riguarda le operazioni da includere e da escludere. Quali sono quelle oggetto di separata comunicazione alla anagrafe tributaria? Quali escludere per mancanza della territorialità? Il suggerimento è di fare riferimento alle norme fin qui applicate e comunque alle indicazioni presenti nei canali di comunicazione ufficiali, come il sito dell'Agenzia delle Entrate. In caso di contestazioni, non potrà essere comminata alcuna sanzione.

Il web, comunque, rimane uno strumento decisivo per orientarsi con lo spesometro 2013 e trovare le risposte ai propri dubbi sulla compilazione. Come fa notare il Sole 24 Ore, in merito alle operazioni escluse, rilevano solo le operazioni IVA e non quelle prestazioni non soggette a IVA per la territorialità. Per quanto riguarda i dati già comunicati, sono da escludere le operazioni che hanno formato oggetto di comunicazione alla anagrafe tributaria. E poi, aggregato o analitico? La scelta - suggeriscono gli esperti - va fatta sulla base della maggior semplicità nell'estrazione dei dati e nella creazione del file telematico.

Tuttavia, le imprese più grandi si stanno orientando verso spesometri aggregati con file di dimensioni più contenute. Capitolo scadenza, "salvo problemi insormontabili nella generazione dei file telematici e nel loro controllo, i contribuenti si stanno attrezzando per rispettare la scadenza senza attendere eventuali proroghe, anche a costo di lasciare irrisolti interrogativi circa la compilazione dei campi". Altri suggerimenti per la corretta compilazione dello spesometro, con tanto di guida passaggio dopo passaggio, sono contenuti in questo articolo.