Pensioni, riforma Renzi, prepensionamento: calcolo e simulazioni per novità e modifiche in negativo effettuate in segreto

Spunta di nuovo l'ipotesi dell'introduzione di un contributo temporaneo sulle pensioni relativamente più elevate. Ma non si tratta dell'unica misura di segno negativo allo studio del governo.

Pensioni, prepensionamento, riforma Renzi: modifiche negative
 

Torna lo spettro di un nuovo contributo di solidarietà per le pensioni d'oro. Più esattamente il governo Renzi starebbe pensando a un prelievo aggiuntivo sugli assegni maggiori di 3.000 euro. Non c'è nulla di definitivo: si tratta di una delle tante simulazione effettuate dal Ministero dell'Economia per far quadrare i conti.

A suggerire questa ipotesi, peraltro esclusa dallo stesso premier Matteo Renzi, era stato lo stesso commissario straordinario per la spending review nel suo piano di taglio alla spesa pubblica. I risparmi, a suo dire, andrebbero utilizzati per finanziare la fiscalizzazione oneri sociali su nuovi assunti.

E non è stata l'unica misura di segno negativo prospettata da Cottarelli all'esecutivo. I provvedimenti indicati sono stati la maggiore deindicizzazione delle pensioni dal 2015, l'allineamento della contribuzione tra uomini e donne (da 41 a 42 anni), andando quindi incontro alle richieste dell'Unione Europea, la revisione delle pensioni guerra che coinvolgerebbe la maggior parte per superstiti di vittime della seconda guerra mondiale (la spesa attuale è di 1,5 miliardi di euro) e delle pensioni di reversibilità con una riduzione percentuale di conversione per fasce di reddito.

D'altronde dinanzi a un'economia che non cresce non sembrano esserci vie d'uscita. È infatti debole l'effetto del bonus da 80 euro sull'andamento dei saldi estivi: il monitoraggio di Federazione Moda Italia (Confcommercio), a due settimane dall'avvio delle vendite di fine stagione, registra un modesto miglioramento, pari a +0,78% rispetto allo stesso periodo del 2013. Lo scontrino medio da 92 euro rilevato l'anno scorso è passato a poco meno di 98euro quest'anno. Situazione stabile a Roma, Napoli, Bologna, Genova, Cagliari. Migliorano Milano +4%, Bari +2%, Venezia +3%, Palermo +5%.