Mobilità elettrica, dalla crisi Covid nasce un’opportunità per tutti

Non bastano le buone idee e non sono sufficienti le buone intenzioni sulla mobilità elettrica se non sono accompagnate da una strategia di crescita del business

Mobilità elettrica con Acea Energia
 

Dalle difficoltà possono sorgere occasioni di crescita. Pensiamo ai problemi e agli scossoni che la crisi pandemica ha provocato nella vita di tutti i giorni e nell’ambito lavorativo. Le ripercussioni non sono state solo di tipo economico e commerciale, ma anche finanziario e gestionale. Imprese e lavoratori sono stati chiamati a riorganizzarsi ovvero ad accelerare quel percorso di ottimizzazione di processi e risorse fin qui avviato. Anche dal punto di vista energetico l’impatto del Covid-19 è stato tale da spingere a ripensare certezze acquisite.

Pensiamo ad esempio alla mobilità elettrica: quante volte aziende e lavoratori hanno accarezzato l’idea di fare il grande balzo verso una forma alternativa di trasporto per poi rinviare l’appuntamento perché non ne avvertivano l’urgenza e la necessità?

Mobilità elettrica tra risparmio economico e immagine aziendale

L’emergenza della pandemia ha così imposto agli operatori del settore energetico di rivedere il proprio modello di business e immaginare nuove soluzioni per le pressanti sfide contemporanee. Non è quindi casuale che la mobilità elettrica stia diventando sempre più centrale nelle strategie di sviluppo del Sistema Paese, collettivo e individuale verso la transizione energetica. Lo è al pari della digitalizzazione, della ricerca di soluzioni più efficienti e innovative in ambito energetico e della stessa economia circolare.

Dal punto di vista strettamente aziendale, i vantaggi che derivano dall’adozione di strumenti digitali sono numerosi. Ci sono quelli del risparmio economico, naturalmente, della maggiore fiducia trasmessa a clienti ma anche - dettaglio non trascurabile - dell’efficienza nella gestione delle richieste dei clienti alla cui esperienza ottimale l’azienda è molto attenta. Una impresa che cavalca i nuovi trend è infatti considerata moderna e innovativa, sicura e attrattiva.

Ma non bastano le buone idee e non sono sufficienti le buone intenzioni se non sono accompagnate da una attenta e mirata strategia di implementazione. Pensiamo al rinnovamento di una flotta aziendale nel segno della mobilità elettrica. Le imprese non possono limitarsi a individuare le auto più adatte per rapporto tra qualità e prezzo. E allo stesso tempo non è sufficiente immaginare di installare una o più colonnine elettriche per la ricarica per raggiungere lo scopo in un’ottica di sostenibilità economica e di efficienza del servizio.

Alla base occorre infatti porsi alcune domande strategiche. Qual è il fabbisogno di energia di cui ho necessità? Quali sono le prospettive di crescita? A quale fornitore di energia rivolgermi? A quale modello di business ispirarmi? Sono domande cruciali, le cui risposte vanno cercate nel contesto di un’analisi approfondita da effettuare anche con l’affiancamento di esperti di settore.

Il ruolo di Acea Energia nello sviluppo della mobilità elettrica

Tra i player nazionali sul mercato dell’energia, Acea Energia si conferma tra gli operatori più attivi nel percorso di trasformazione in corso sui trend dell’efficienza energetica. Acea Energia propone soluzioni evolute ed ecosostenibili che rappresentano la base per le future smart city ovvero il modello di ambiente urbano a cui siamo indirizzati. In qualche modo si tratta di un’azienda da cui farsi ispirare per l’evoluzione costante del suo modello di business.

Dal commodity-oriented si è spostata verso il service-based ovvero una impresa in grado di offrire servizi e risposte a valore aggiunto per raccogliere necessità e aspettative di target più ampi, mobilità elettrica inclusa. Per dare una risposta efficace ai nuovi scenari di mercato, è stata peraltro costituita Acea Innovation, società che sviluppa e immette sul mercato prodotti ad alto contenuto tecnologico nell’ambito dell’efficienza energetica, della mobilità elettrica e un sistema Smart Comp rivolto ai clienti business per il riciclo virtuoso dei rifiuti organici a km 0 con grande impatto sulle riduzioni di costi di gestione per il cliente finale e importante abbattimento dello CO2 in piena coerenza con le logiche di economia circolare e sostenibilità