Marcello Tansini
a- a+

Nuove forme pubblicitarie

Compare lo spot pubblicitario televisivo su Internet... nuove forme pubblicitarie

Luglio-Agosto sono stati mesi di  forti esperimenti di sviluppo di nuove forme di advertising da parte dei grandi portali italiani, solitamente i più restii ad utilizzare nuovi formati pubblicitari, oltre i soliti banner a rotazione e bottom fissi, il cui ritorno in termini di click trough è sempre meno soddisfacente.

Seguendo l'esempio di yahoo, che tra l'altro ha introdotto un nuovo banner fisso che ricopre l'intera parte alta della pagina in sostituzione del classico 468x60, diversi importanti siti italiani hanno inserito nella proprie pagine "striscioni" che si sviluppano verticalmente, come si può vedere per esempio su www.zdnet.it

Ma il marketing team di zdnet non si è limitato a questo: la vera novità è un box di grandi dimensioni che si trova, posto come una immagine, all'interno di alcuni articoli.

Il box è interamente realizzato in flash, e non rimanda, cliccandolo, al sito dello sponsor pagante, ma ci si naviga all'interno, come in un piccolo sito flash indipendente.

I vantaggi più immediati sono: il box è di grandi dimensioni e consente un ottimo ritorno semplicemente di brand; grazie alla tecnologia flash consente una forte interattività con l'utente; infine, la presentazione del proprio prodotto/servizio è più immediata, senza il rischio che l'utente si debba perdere nel ricercare informazioni nel sito della azienda sponsor.

Per vederlo in funzione:

http://www.zdnet.it/zdnet/jumpNews.asp?idUser=0&idChannel=
176&idNews=100321

Ma la vera novità, che alcuni siti, tra cui Kataweb in primis, stanno sperimentando, è quella del concetto di pubblicità televisiva online.

Siamo rimasti stupiti, quando il 14 agosto, navigando su Kataweb, abbiamo visto, dopo aver cliccato per leggere un articolo, comparire, uno spot della durata di meno di 10 secondi, che scompariva al caricamento della pagina desiderata.

Il link è: http://www.Kataweb.it/interstitial/interstitial2.html

Adottata massicciamente questa forma di advertising rivoluzionerebbe il concetto di pubblicità in internet, da sempre non invasiva, il più possibile interattiva, condizionata dal volontario click dell'utente sul banner.

Occorrerebbe assorbirsi sempre un mini spot, volenti o meno, come accade oggi in Tv, per potersi leggere un articolo desiderato.

Aspettiamo con ansia i risultati statistici di questo nuovo modello di adv, ma considerata la difficile situazione della pubblicità online a livello mondiale, crediamo che potrebbe essere una valida soluzione per un ritorno degli investimenti pubblicitari online, in una ottica di un internet sempre meno gratuita e amatoriale, e sempre più proiettata verso modelli di business industriali.

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Pier Paolo
Condividi le tue opinioni su questo articolo!