Lorenzo Pascucci
a- a+

Motori di Ricerca e pubblicità in essi

I motori di ricerca sono un buon punto d'inizio per far conoscere il nostro sito web. Ultimamente però si sono rivelati molto generici e solo poche volte riusciamo a trovare il sito che avevamo in mente a causa del gran numero di pagine web presenti nella Rete.

Oggi per avere più opportunità di comparire tra i primi dieci di una ricerca i webmaster utilizzano i tanto famosi META TAG. Queste sono delle stringhe di codice presenti tra i tag HEAD che aiutano i motori di ricerca ad indicizzare al meglio il nostro sito web.

Il loro utilizzo è molto semplice.
Per conoscerli basta consultare la nostra guida. In Rete è comunque possibile trovare dei servizi apposta che aiutano a realizzarli. (Sarà presto disponibile anche su WebMaster Point).
Ci sono anche dei software (spesso utilizzati da professionisti) che aiutano a realizzare dei meta tag appropriati per ogni pagina del nostro sito. Ne possiamo scaricare uno in versione dimostrativa, si chiama Engenius ed è in lingua inglese. Grazie a questo software riuscirai a realizzare stringhe di codice che ci aiutano ad entrare nei primi posti dei motori di ricerca più famosi, tra cui Lycos, HotBot,...

Entrare nei primi posti di una ricerca è una delle ambizioni di migliaia di webmaster. 
Il raggiungimento di tale scopo infatti assicura un gran numero di visite. Basta pensare che circa il 50-60% di chi fa ricerche con un motore consulta solo la prima pagina dei risultati e raramente si spinge oltre la seconda..
Per i piccoli siti, inoltre è ancora più difficile, perché le prime posizioni se le sono assicurate siti ormai famosi e affermati, che magari hanno anche pagato per il risultato.

Quindi è consigliato inserire tra i meta tags termini specifici e tecnici.

Un sito come WebMaster Point risulterebbe all'ultimo posto se utilizzasse principalmente termini generici come free, gratis, siti, web, manuali. E' molto più probabile comparire tra i primi con termini come asp, tutorial, web publishing, marketing, dhtml, html dinamico, ecc... Dobbiamo quindi centrare i contenuti del sito e non generalizzarli.

L'inserimento nei motori di ricerca è molto semplice. Quasi sempre troviamo un link che ci invita a segnalare un sito web. Basta inserire l'URL e il sito è indicizzato.

Esistono due tipi d'inserimento: manuale e automatico.

E' sicuramente consigliato quello manuale. Infatti i software che indicizzano su 100-200 motori di ricerca non portano nessun frutto, perché questi hanno semplicemente il compito di segnalare il nostro sito. Invece la segnalazione manuale porta a risultati migliori.
Infatti quasi ogni motore di ricerca funziona in modo differente dall'altro e capita che per segnalare il proprio sito si necessita di compilare form lunghissimi. In questi moduli infatti vengono richiesti dati come: descrizione del sito, termini che aiutino per una ricerca migliore (parole che siano coerenti con i contenuti del sito, come i meta tag), la lingua, l'e-mail di chi lo segnala, ecc... Quindi una segnalazione accurata è sicuramente più redditizia.

Pubblicità sui motori di ricerca
Fino adesso abbiamo visto come segnalare un sito ad un motore di ricerca, tecnica del tutto gratuita. Ora esaminiamo come farci pubblicità all'interno dei motori di ricerca (tecnica che può essere molto redditizia).
Sui motori di ricerca possiamo fare due tipi di pubblicità: generale e mirata
La pubblicità generale visualizza casualmente il banner sulla pagina di risposta di una ricerca.
La pubblicità mirata, invece, visualizza il banner solo se nella ricerca si sono usati dei termiti specifici. Quindi se ricerchiamo la parola "webmaster" potrà comparire molto probabilmente il banner di WebMaster Point o di un altro sito simile nei nostri contenuti.
Tra i due tipi di pubblicità c'è una grande differenza: una porta un targhet specifico, l'altra più generale. Una grossa differenza sta logicamente anche nei prezzi.

Consigliamo di leggere la nostra GUIDA AI MOTORI DI RICERCA per saper come segnalare con ottimi risultati il proprio motore di ricerca.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Marcello
Ti è piaciuto l'articolo?