Christian Castelli
a- a+

Cominciare col piede giusto: cosa fare e cosa non fare con AdSense

Google Adsense ha avuto un grande impatto nel modo di fare pubblicità in Internet e non è lontano dall'essere una rivoluzione. Il fatto stesso che sempre più persone usano Adsense è la prova del suo successo. E' un dato di fatto che riesca a giovare ai propri affari, producendo piccoli o grandi ROI e riuscendo a generare traffico mirato sfruttando la sua enorme visibilità in Rete.

Dovreste incominciare a considerare di usare Adsense se avete perso del denaro invece di guadagnarne da qualsiasi altro programma di affiliazione. Google attraverso il suo servizio Adsense sta fornendo pubblicità di alta qualità e rilevanza, che ben si innesta nel contesto del sito in cui si inserisce. Un altro punto saliente è che non dovrete spendere molto tempo bella scelta di svariati tipi di pubblicità per le vostre pagine web. Il processo di Google Adsense rende semplice tale cernita in quanto non vi richiede alcun codice (come avviene per altri programmi di affiliazione).

AdSense si avvicina a qualcosa del tipo "inserisci e dimentica" grazie alla tecnologia usata da Google. Ecco alcuni consigli strategici su come comportarsi con Google Adsense e cosa non fare con esso.

  1. Mentre lavorate con Adsense, dovreste evitare i settaggi di default e muoversi verso una completa personalizzazione delle proprie pubblicità;
  2. Quando scrivete i contenuti, pensate prima al lettore e poi mirate il contenuto attraverso Adsense;
  3. Un errore che molti compiono è quello di considerare Adsense come un competitore; dovreste invece considerarlo un partner che vi aiuterà a generare delle entrate per i vostri affari e che creerà visibilità in Rete ed in fatti vi fornirà dei vantaggi rispetto ai vostri concorrenti;
  4. Dovete posizionare i banner correttamente. Questo è di fondamentale importanza se volete trarre profitto dalle vostre campagne Adsense. Posizionate i banner dove pensate che ci sia una maggiore probabilità per le persone di vederli;
  5. Con Google potete mettere in ogni pagina al massimo tre istanze di Adsense. Dovete usarlo a vostro vantaggio ma ricordatevi di diversificare le implementazioni;
  6. Se avete implementato il codice Adsense trattenetevi dal cliccare sopra le pubblicità. Google è molto sensibile alle frodi;
  7. Molte persone cercano di aggirare il sistema. Google è consapevole della maggior parte dei trucchi in circolazione ed è noto che intenti causa a coloro che commettono tali frodi.

Ecco una lista di cose che non dovreste fare:

  1. Non implementate il codice Adsense in punti che non sono ben visibili;
  2. Ci sono molte persone che offrono incentivi ai visitatori che cliccando sugli Adsense. Comportamento da evitare;
  3. Non disturbate le persone per cliccare sui vostri Adsense;
  4. Non posizionate gli Adsense in pagine vuote.

Gli Adsense possono essere facilmente personalizzati, caratteristica che li rendono molto popolari. Questi possono anche essere posti in qualsiasi punto della pagina web ma è raccomandabile che essi vengano sistemati laddove la gente riesca a vederli e possa cliccarci sopra. Potete sperimentare cambiando i temi e i colori ma senza esagerare: chi sperimenta troppo finisce per non raggiungere i propri scopi.

Prima di partire ad usare Adsense, bisogna che siate al corrente dei tassi di conversione, che possono variare. Il costo minimo che si paga è di 5 cents ma può arrivare fino a 10 $ ed oltre. Ad esempio : gli avvocati pagano circa 75 $ per usare la parola chiave mesotelioma.

Potete sottoscrivere un account Adsense visitando questa pagina: https://www.google.com/adsense/.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Luca
Ti è piaciuto l'articolo?