Christian Castelli
a- a+

Aumentare il CPC degli annunci di AdSense

Aumentare il CPC degli annunci di AdSense

Molti pensano che l'unico modo per aumentare il CPC è trovare keywords che paghino molto. In realtà quest'approccio risulta inefficiente, poiché per incrementare il CPC coinvolge molte attività quali mirare al mercato giusto, arrichhire i contenuti, migliorare il CTR, misurare tutto tramite sistemi di tracciamento e via discorrendo. Alti CPC vanno al di là quindi di keyword che pagano bene.

I guadagni derivanti dai click non possono essere tenuti molto bene sotto controllo, tutto quello che si può fare è creare le premesse per attrarre banner che pagano molto, ma anche facendo del nostro meglio in questa direzione, non potremmo mai avere la certezza di ottenere un alto CPC, ci saranno senz'altro delle fluttuazioni.

Prima di tutto, c'è una classe di pubblicità che Adsense fornirà alle vostre pagine. Apparentemente, prenderà in considerazione i seguenti parametri quando mostra i banner di un certo costo:

  • Qualsiasi cosa legata ai contenuti web: contesto, parole chiave, temi;
  • Qualità del traffico: i siti che generano più traffico guadagneranno di più, poiché il tasso di conversione è maggiore;
  • L'età e la grandezza di un sito;
  • Il Page Rank.

Alcuni dei fattori che influenzano ulteriormente il CPC sul vostro sito sono:

  • il budget dei pubblicitari;
  • le fluttuazioni stagionali;
  • le campagne lanciate e concluse;
  • i cambi di competizione per le parole chiave (nuovi pubblicitari);
  • l'algoritmo che definisce i prezzi: se il tasso di conversione stimato per una pubblicità è minore di quello che si ci aspetta, i guadagni per click si abbasseranno.

Che fare dunque?

Vediamo quali parametri possiamo controllare, fra quelli elencati all'inizio dell'articolo:

1. Creare contenuti autentici e di valore. Il potenziale di conversione del vostro contenuto viene analizzato. Impiegate le vostre abilità di marketing nella creazione di pagine che si vendono da sole. Il contenuto di qualità aumenterà il vostro CTR attraendo di conseguenza banner con CPC più alto.

2. Sforzatevi di migliorare il CTR. Qualsiasi azione intrapresa in questa direzione porterà dei benefici. Adsense porterà pubblicità di maggior valore ai siti che registrano Adsense con alto CTR. Come conseguenza logica, CTR più alti portano a maggiori possibilità di conversione e quindi a CPC più alti.

3. Studiate il metodo di pagamento di Adsense e analizzate il vostro sito in quest'ottica;

4. La scelta delle frasi e delle parole chiave giuste (non solo quelle che pagano di più).
Potete guadagnare bene usando frasi contenenti parole chiave che pagano bene invece di semplici parole chiave:in questo modo si entra in una nicchia di mercato dove la competitività è minore e le possibilità di raggiungere un alto CPC sono maggiori.

5. Mirate ai mercati giusti.

6. Tracciate, testate, verificate. Tracciare l'attività delle vostre pagine vi dà l'opportunità di vedere quali funzionano meglio, vi permette di capire quali contenuti attirano più traffico e che tipo di persone usufruiscono del vostro sito. Cercate di ottimizzare le pagine e usate tool di preview per vedere se le pubblicità risultanti son quelle che ci si aspetta.

Errori comuni

Ecco alcuni errori comuni nel tentativo di incrementare i proprio CPC:

  • Scegliere come parole chiave quelle maggiormente ricercate;
  • La popolarità delle parole chiave non ha nulla a che vedere con la sua potenziale conversione in denaro. Keywords popolari non sono necessariamente quelle che pagano di più;

  • Usare filtri per bloccare quelle pubblicità che si ritiene paghino di meno, ottenendo il risultato opposto, poiché secondo gli accordi del sistema, verranno presentati i banner di maggior valore e bloccando quelli serviti da Adsense porterà quest'ultimo a servire quelli pagati meno. Tracciate sempre quello che fate quando bloccate le pubblicità.

  • Fare tutto il possibile per incrementare il proprio traffico. Bisognerebbe concentrarsi sull'incrementare il traffico mirato ai contenuti del proprio sito, non traffico generico.

  • Tentare di incrementare il CTR artificialmente ottenendo risultati molto positivi in breve tempo. Questo comportamento sarà probabilmente considerato da Adsense come un tentativo di frode con la sola conseguenza di esser bannati dal circuito pubblicitario.

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Lorenzo
Hai qualche domanda da fare?