Christian Castelli
a- a+

AdSense Arbitrage: quando usare AdWords è illegale

AdSense Arbitrage: quando usare AdWords è illegale

Sembra emergere da una serie di post nel forum in WebmasterWorld che Google potrebbe dar battaglia all'arbitraggio in Adsense. Alcuni utenti che posseggono un account Adsense coinvolti nell'arbitraggio, sostengono di aver ricevuto delle email da Google, il quale li avvisava che essi stavano usando un modello d'affari incompatibile per Adsense e che il loro account sarebbe stato disabilitato nel giro di poche settimane.

In pratica l'arbitraggio di Adsense coinvolge le offerte inserzionistiche su Google AdWords a prezzi per click molto bassi, per poi redirezionare il traffico verso un sito concepito con lo scopo primario di ottenere click dai visitatori su pubblicità simili ma con un prezzo d'offerta molto maggiore, il tutto passando attraverso Google Adsense.

Si può pensare che la chiave per un arbitraggio di successo non è fornire contenuti di qualità sulla landing page. Questo vuol dire che quando un visitatore arriva sulla pagina probabilmente la lascerà quasi immediatamente e cliccherà su uno degli Adsense per una rapida uscita.

Jennifer Slegg, autrice del blog di advertising contestuale JenSense.com, mette un po' di luce a riguardo di quanto esposto fin'ora: "Economicamente parlando, la mossa di Google ha perfettamente senso, dal momento che molti inserzionisti AdWords si rifiutano di pubblicizzare sulla rete dei contenuti poichè ci son troppi siti fatti su misura per Adsense, così come quelli che praticano l'arbitraggio. Quindi alla lunga, potrebbe significare maggior denaro per i pubblicitari se un inserzionista ritorna alla rete dei contenuti.

Ma quanto è diffusa la pratica dell'arbitraggio? Ebbene non stiamo parlando di pochi dollari: basta una breve ricerca in Google per scoprire come si arrivi a parlare di migliaia di dollari al mese.

Jeremy Luebke di Marketingpilgrim.com ha ribadito che, Questa mossa è più che mai in ritardo. La qualità del traffico proveniente dalla rete di contenuti AdWords è stata terribile per anni. Non vi è una singola campagna di uno qualunque dei miei clienti su tale rete in cui abbiano intenzione di offrire di più dell'offerta minima. Google spera di ristabilire credibilità ed affidabilità agli inserzionisti e agli utenti.

Tutto ciò è successo durante il mese di marzo 2007, per cui se state leggendo questo articolo ora, potete vedere gli sviluppi sui siti menzionati nel corso dell'articolo.

Cosa significa tutto questo per gli inserzionisti e i web master? Significa che chi utilizza l'arbitraggio o altre tecniche dubbie ha smesso di guadagnare grosse cifre in questi modi, mentre per quanto riguarda i contenuti significa che essi andranno migliorando nel corso del tempo.

Non vi è alcun dubbio che ci siano molti webmaster alla ricerca di una nuova strategia di guadagno. Speriamo solo che abbiamo capito la lezione e sviluppino strategie basate su tecniche oneste e su contenuti di qualità.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Pier Paolo
Condividi le tue opinioni su questo articolo!