Search Usability: capiamo bene di cosa si tratta

Molti SEO e molte aziende specializzate assicurano di portare il sito  sul quale operare ad un alto grado di "search usability". Ebbene, l' insieme di parole è sicuramente accattivante, ma in pratica poi in pochi la mettono in atto. In questo articolo vedremo quanto sia importante la search-usability e smaschereremo le errate concezioni del termine.

Utilizzabilità, focus groups e analisi visite (Web Analytics)

Una delle affermazioni più ignoranti che si possano mai sentire è "Il tuo sito è user-friendly! Lo utilizzano in milioni e milioni ogni giorno!". Ebbene, in riguardo a questo è bene effettuare una distinzione tra i termini usabilità, focus groups e analisi delle visite.

L' usabilità di un sito consiste nel testare quanto sia semplice per gli utenti sfruttare i determinati servizi offerti dal sito. Questo test va effettuato su una singola persona, non da un gruppo e ne vanno analizzate minuziosamente tutte le azioni ed i click.

La focus groups invece la procedura per monitorare le opinioni degli utenti rispetto alle interfaccie.

Le analisi delle visite (Web analytics) forniscono un rapporto completo su ciascuna visita. Naturalmente però non si può fare di un' erba un fascio, ciò che fa un utente sul sito non è detto venga fatto pure dall' utente successivo, in questa analisi il fattore umano è evidente più che mai.

Berrypicking e search usability

Per comprendere al meglio la search-usability è necessario far chiarezza sul concetto di berrypicking. Molte persone infatti sono convinte che il cercare abbia alcune linee guida indiscutibili e che sempre si ripetono, ma non è così. Infatti il cercare sfrutta molti fattori, quali:

  • richiesta
  • rifinizione
  • espansione la ricerca
  • navigazione
  • lettura
  • Pogo-sticking

Il berrypicking si occupa proprio di tener conto di tutti questi importanti fattori.

SEO vs professionisti dell' usabilità

Il problema di molti SEO è che questi si focalizzano solamente su:

  • richiesta
  • rifinizione
  • espansione ricerca

I professionisti dell' usabilità invece trattano maggiormente:

  • navigazione
  • Pogo-sticking
  • lettura

E' inoltre utile differenziare il design search-friendly da quello search-engine-friendly. Il primo è incentrato sull' utente, mentre il secondo riguarda come le info ed i contenuti del sito vengono proposte ai motori di ricerca.

Per concludere, il termine search-usability dovrebbe comprendere tanto i fattori tenuti presente dai SEO, quanto quelli che interessano i professionisti dell' usabilità. Solo così il risultato potrà essere completo e soddisfacente.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Marcello
Ti è piaciuto l'articolo?