Federico Riva
a- a+

La scelta delle TAG, o meglio delle Meta Tag (Seconda Parte)

Nel compilare le tre META i cui sopra (Titolo, Descrizione e Keywords) bisogna seguire alcune regole fondamentali.

1) La descrizione

La descrizione non deve essere troppo lunga; 50 parole possono già essere considerate un numero-limite; le descrizioni più corte sono più efficaci in alcuni motori. È saggio inserire le parole-chiave anche nella descrizione, non trascurando però la forma grammaticale e il significato, deve cioè essere una frase di senso compiuto. In sostanza, la descrizione non deve essere unaccozzaglia di parole e aggettivi ma deve essere una frase di senso compiuto intelligibile da un essere umano.

2) Le parole-chiave

Le parole-chiave inserite nelle apposite META debbono essere effettivamente attinenti con i contenuti del sito. Nel caso in cui queste keyword siano estranee ai contenuti del sito (e si intendano qui i contenuti del testo delle pagine) è facile che leffetto sia negativo. Ovverosia: è vero che i motori di ricerca di tecnologia moderna (post Altavista, diciamo) non considerano primariamente le parole-chiave inserite nelle META per capire di che cosa tratta il sito stesso (o meglio, la pagina del sito stesso)  ma è altrettanto vero che se queste sono in contraddizione o anche solo non attinenti con quanto contenuto nel testo della pagina  leffetto è seriamente negativo e il sito può essere penalizzato.

Il consiglio è quello di non inserire più di 10 keyword per pagina, dal momento che difficilmente una pagina web può abbracciare seriamente più di dieci argomenti e un altro consiglio utile è quello di separare le keyword da una virgola e non da uno spazio. La separazione con lo spazio è caldeggiata da molti ma è un grave errore dal momento che spesso delle keyword sono composte da più parole e quindi si tratta di key-phrase. In questo caso, lutilizzo dei soli spazi non farebbe capire quando le keyword debbono essere lette singolarmente o quando debbono essere lette come facenti parti di una keyphrase. Lo spazio tra una virgola e laltra è totalmente ininfluente, dal momento che la virgola stessa determina la fine di una keyword (o keyphrase) e linizio di unaltra.

3) Il titolo

Il titolo è forse la META più importante e che oggi viene ancora fortemente considerata dai motori di ricerca. Il consiglio che possiamo dare è quello di fare sì che il titolo coincida con la keyword più importante di tutta la pagina (non del sito) e che quindi la caratterizzi fortemente e inequivocabilmente. Se si desidera che su una determinata pagina arrivino i navigatori che sono interessati a comprare nani da giardino blu e non tutto quello che può essere relativo allarredamento da giardino e che magari può essere compreso nella pagina, allora bisogna dare come TITLE nani da giardino blu. Questa è la garanzia migliore per fare sì che quella pagina possa essere posizionata bene nel caso in cui un searcher (un utente che utilizza un motore di ricerca) abbia cercato con la keyword nani da giardino blu o con una keyphrase che contenga quella keyword, per esempio dove comprare nani a giardino di colore blu.

 

Come abbiamo cercato di mostrare, le META non sono certamente più importanti come lo erano dieci anni fa (e anche meno), ma non debbono essere sottovalutate per un buon posizionamento e una buona indicizzazione delle pagine di un sito web.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Graziano
Hai qualche domanda da fare?