Fiere e business in Second Life: il Second Life Book Fair 2008, un evento dedicato all’editoria

Il Second Life Book Fair è un esempio vincente di utilizzo di Second Life come strumento di aggregazione e di incontro di aziende e operatori attivi nello stesso ramo di business. Si tratta di un evento rivolto a tutte le aziende, gli addetti e gli appassionati dell’universo dell’editoria. Il modello è quello delle fiere, dove ciascun operatore può esporre le proprie produzioni e rappresentare le proprie attività in stand appositamente allestiti. Durante l’evento, che nella sua edizione del 2008 si svolge dal 25 al 27 aprile nelle due sim Book Island e Publishing Island, avranno luogo anche numerosi meeting, conferenze e dibattiti che metteranno a confronto opinioni diverse sulla realtà attuale dell’editoria.

Come spiega l’organizzatrice Sheena Dewan (Selina Greene in Second Life) in un’intervista rilasciata al Second Life Newspaper Extra Extra, nell’edizione di quest’anno «ci si aspetta di ospitare sessanta espositori nuovi oltre ai cento shop già esistenti nell’isola, che presenteranno non soltanto libri, ma tutto ciò che è collegato all’universo della parola. Ci saranno editori, autori, blogger, designer e ovviamente una quantità di libri e riviste proposti sia nella versione adattata a Second Life che come prodotti del mondo reale».

L’evento dell’anno scorso è stato un bel successo, con circa 1400 visitatori in tre giorni. La misura del successo della manifestazione però non può limitarsi al conto delle presenze: quello che ha maggiore importanza è la qualità delle relazioni che si riescono a stabilire, comparabile a pieno titolo a quello che può avvenire in una fiera interamente realizzata nel mondo reale. «È stimolante rilevare la presenza di persone provenienti sia dal mondo reale che da attività specificamente generate in Second Life» prosegue Sheena. «Editori del mondo reale come Wiley, Vision, Conte Verlag, Pan Macmillan hanno tutti una presenza nelle isole accanto a operatori che lavorano esclusivamente in Second Life».

Tra le attività che si svolgeranno nel periodo della fiera ci saranno diversi workshop e dibattiti. Le tematiche maggiormente poste in rilievo riguarderanno la didattica e lo scambio di informazioni. Ad esempio, avverte Sheena, «Diana Allandale terrà un workshop su come promuoversi come autore. Desideria Stockton parlerà di insegnamento della letteratura in Second Life. Io stessa terrò una sessione di domande e risposte sul ruolo e le attività degli editori nel mondo reale. In più ci saranno numerosi incontri e letture di opere. Tra questi farà una lettura Michael A. Stackpole (autore americano di romanzi di fantascienza tra i quali alcuni appartenenti alla saga di “Star Wars”, N.d.R.) per mezzo del suo avatar Noble Charron».

Sheena Dewan è la direttrice editoriale della casa editrice londinese indipendente Vision Paperbacks, specializzata nella pubblicazione di libri su tematiche d’attualità, scienza e ambiente, stili di vita alternativi, biografie, media e società. La scelta di diventare il fulcro di una rete di contatti tra aziende e pubblico sfruttando il mondo virtuale di Second Life sta permettendo alla Vision Paperbacks di conquistare una visibilità crescente e di creare un nuovo universo di relazioni utili a promuovere le proprie iniziative editoriali. Contemporaneamente, le imprese che partecipano alla fiera o hanno uno stand in Book Island e Publishing Islands stanno beneficiando delle opportunità di incontrare il pubblico e i media in un modo più ampio rispetto a quello possibile mediante l’impiego dei soli media tradizionali.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Redazione
Condividi le tue opinioni su questo articolo!