Federico Riva
a- a+

Info-commerce: l'ecommerce che funziona! (Parte III)

Pagina 3 di 5

La punta dell'Iceberg

Secondo lo studio dell’Anee, l'info-commerce totale, ovverosia l'acquisto di beni - on-line e off-line - a seguito di un reperimento delle informazioni via Web, vale quattro volte il fatturato relativo al solo e-commerce. Si tratta di un dato certamente molto interessante e impressionante; in poche parole, significa che chi fa pubblicità on-line rischia, se non utilizza tutti i giusti strumenti di analisi, di sottostimare di quattro volte l'efficienza dei propri investimenti pubblicitari in Internet. Riportiamole parole della ricerca di Anee: "E’ un dato che parla da solo e che permette di guardare al Web in modo diverso, non più e solo come area di qualche interesse per il commerciale e l'advertising, ma come un media maturo che attrae l'attenzione di milioni di italiani e ne stimola e ne orienta in molti casi gli acquisti prevalentemente presso i punti vendita della GDO (Grande Distribuzione Organizzata) e, in misura minore, in quella della distribuzione tradizionale e presso i merchant online".

Navigare... informati

Nei libri di fantascienza di cento o cinquanta anni fa' (o anche meno), gli autori spesso immaginavano navicelle spaziali che volteggiavano in città piene di tubi per inviare pacchi velocemente e popolate da persone con tute metallizzate. Si ipotizzavano velocità e facilità di trasporto altissime e gli uomini sarebbero vissuti fino a duecento o trecento anni. Nessuno però ipotizzò quello che è veramente accaduto nel 'futuro' di oggi: la rivoluzione dell'informazione. Internet è soprattutto uno strumento per trovare informazioni. Grazie alla possibilità che ogni utente ha di essere anche 'editore' - la cosiddetta interattività di Internet - e grazie alla condivisone dei documenti nel World Wide Web, oggi è possibile trovare informazioni fino a pochi anni fa irreperibili. Anche il modo stesso di cercare informazioni è cambiato; esso è diventato più dinamico e 'mobile', proprio perchè lo strumento a disposizione è - come avrebbe detto MacLuhan - più freddo e può essere 'scaldato' dall'attività di ricerca del navigatore.

Internet rappresenta la vera rivoluzione dell'informazione del ventunesimo secolo: "Il 55% dei surfers naviga per cercare, in senso ampio del termine, informazioni. Non importa che si tratti di notizie riguardanti la cronaca, l'economia, lo sport, lo shopping o il semplice gossip, ciò che è importante è la rilevanza del dato. Se guardiamo alle motivazioni successive troviamo a grande distanza la "ricerca di informazioni sui prezzi" (siamo in pieno info-commerce), "risparmiare tempo" e "amplificare la scelta dei prodotti" (ancora info-commerce)".

Continua >>>

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Sara
Hai dubbi su questo articolo?