Andrea Galassi
a- a+

Cloud computing 2012: strategie e regole comuni perché mercato cresca

Vediamo quali sono le condizioni chiave per lo sviluppo del mercato del cloud computing in europa.

Una legislazione europea unificata per la gestione dei dati. La definizione di standard. La costituzione di autorità di certificazione indipendenti e con poteri di authority. Sono le condizioni chiave per favorire e sostenere lo sviluppo del mercato del cloud computing in Europa. Lo sostiene Joseph Reger, Chief Technology Officer di Fujitsu, in un intervento ospitato sulle pagine online di Computerworld Italia.

La Commissione europea ha invitato cittadini, imprese, amministrazioni pubbliche e tutte le parti interessate, ad illustrare la propria esperienza, a definire esigenze ed aspettative, e a fornire indicazioni in merito all’uso e alla fornitura di servizi di cloud computing. L’indagine riguarda, per esempio, le questioni relative alla protezione dei dati e alla responsabilità, in particolare in contesti transfrontalieri, le barriere giuridiche e tecniche che possono rallentare lo sviluppo del cloud computing in Europa, le soluzioni relative alla standardizzazione e all’interoperabilità. Nel 2012, la Commissione UE presenterà la strategia europea sul cloud computing.

La questione riguarda ora i tempi, spiega Reger, e la soddisfazione delle condizioni di cui sopra. I produttori devono fare la loro parte e procedere alla definizione degli standard in collaborazione con le autorità governative e gli enti normativi, prosegue il CTO di Fujitsu.

L’assenza di direttive comuni «complica la vita di chi entra inizialmente nel cloud a causa dei maggiori requisiti di integrazione e dei costi non prevedibili», mentre la definizione e il rispetto di standard «contribuiscono a generare livelli di affidabilità più elevati, oltre a una migliore accettazione sul mercato, con la conseguenza di un incremento del business».



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Lorenzo
Hai qualche domanda da fare?