Andrea Galassi
a- a+

Cloud Computer: regole per i datacenter dalla Open Data Center Alliance

La Open Data Center Alliance ha elaborato le prime linee guida per soluzioni cloud e data center aperti, interoperabili e sicuri.

Arrivano le prime linee guida elaborate in seno alla ODCA (Open Data Center Alliance), l’alleanza istituita nell’ottobre del 2010 allo scopo di definire i futuri requisiti hardware e software che porteranno a soluzioni cloud e data center più aperti e interoperabili. Intel, che in ODCA riveste un ruolo di consulente, e gli altri membri dell’alleanza (BMW, Deutsche Bank, J.P. Morgan, USB, Shell ecc.) sono impegnati nella definizione e nella realizzazione di un cloud aperto, interoperabile, sicuro, in grado di favorire al meglio la distribuzione della nuova generazione di servizi business, di film, videogame, musica, social media e altri servizi web.

Otto, al momento, gli Open Data Center Usage Models presentati dall’alleanza: Security Monitoring, Security Provider Assurance, IO Control, VM Interoperability, Regulatory Framework, Carbon Footprint, Service Catalog, Standard Unit of Measurement for IaaS.

Fondamentale, dunque, la sicurezza. Una volta stabiliti gli standard di sicurezza ai quali i provider devono uniformarsi, è necessario dotarsi di meccanismi che consentano di monitorare (Security Monitoring) in tempo reale il rispetto degli stessi. ODCA si propone di impiegare un modello di sicurezza strutturato su più livelli (gold, silver, bronze, platinum), ovvero una classificazione che risponda ai differenti servizi di cloud computing offerti sul mercato (security Provider Assurance).

IO (Input/Outoput) Control) e VM (Virtual Machine) Interoperability sono le due linee guida inerenti all’automazione. In materia di Common Management & Policy, l’alleanza ha elaborato il modello Regulatory Framework, che raccoglie gli schemi di regolamentazione proposti da agenzie governativi e authority di settore, mentre in ambito di Trasparency, ovvero di trasparenza, i modelli d’impiego sono indicati dai capitoli Carbon Footprint, Service Catalog e Standard Unit of Measurement for IaaS (Infrastructure as a Service).

Documentazione: http://www.opendatacenteralliance.org/publications



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Staff
Ti interessano altri articoli su questo argomento?
Chiedi alla nostra Redazione!