Christian Castelli
a- a+

Come rendere un sito facile da navigare? 10 tecniche per percorsi di navigazione usabili (Parte I)

Percorsi di navigazione usabili: 10 tecniche (parte 1)

Immaginate di guidare su una strada e che a causa di alcuni lavori in corso, siate obbligati ad una deviazione su una strada sconosciuta. A questo punto dovrete seguire le indicazioni, sperando che quest'ultime vi portino a destinazione.
All'improvviso vi ritrovate ad una rotonda senza indicazioni. Girare a sinistra? Oppure a destra? Abbiamo due scelte: tornare indietro e trovare una strada alternativa che conosciamo o tentar la fortuna proseguendo per una strada ignota.
I siti web sono molto simili, non importa quale sia il loro fine d'esistenza, i vostri visitatori hanno bisogno di trovare intuitivamente ciò di cui hanno bisogno e di sapersi orientare seguendo i percorsi che gli avete lasciato. Molto spesso, la navigazione e l'orientamento spariscono nei meandri delle pagine interne del sito. E in questi casi molto spesso gli utenti scelgono di abbandonare la "strada che stanno percorrendo" , ossia il vostro sito.

Presentiamo quindi i primi 5 punti da tenere bene in mente per uno sviluppo di un sito usabile e navigabile.

1. Testate delle pagine

Ogni singola pagina del vostro sito dovrebbe avere una singola,concisa e descrittiva testata principale. Naturalmente la testata della pagina principale dovrebbe avere i collegamenti corretti alle diverse sezioni del sito.

Le testate forniscono un punto di orientamento per gli utenti e li informa circa le aspettative sui contenuti che posso trovare nella pagina stessa. Punti chiave per delle testate di effetto sono:

  • Assicurarsi che il font usato sia di due punti più grande rispetto al testo della pagina;
  • Usare un colore differente (per il testo o per lo sfondo) per rendere maggiormente visibili le zone più importanti;
  • Assicurarsi che ci sia abbastanza spazio vuoto al di sopra e al di sotto della testata;

2. Rendere visibili i percorsi

Spesso definita come una tecnica di navigazione avanzata, l'uso di breadcrumb trails (letteralmente "sentieri di briciole di pane") ha dimostrato recentemente attarverso studi di usabilità di essere una forma di navigazione accettata ed apprezzata. I breadcrumb trails sono collegamenti (di solito messi direttamente sopra la testata principale) che mostrano dove sono gli utenti in relazione alla homepage. Per esempio:

Home > Soggetto > Categoria > Pagina

I benenfici nell'uso di questa tecnica permettono di:

  • mostrare agli utenti dove si trovano nello schema generale di navigazione (cosa particolarmente importante se i visitatori entrano in una pagina diversa dalla home page);
  • aiutare gli utenti ad apprendere la struttura e la gerarchia del sito;
  • mostrare agli utenti dove sono giunti e la loro posizione corrente;
  • permettere agli utenti si saltare svariati passi alla volta;

Un breadcrumb trail dovrebbe riflettere la vera gerarchia del sito, non il percorso che i visitatori hanno scelto per arrivare alla loro destinazione.

3. Navigazione primaria

Potrebbe sembrare scontato ma è importante sottolinearlo: l'uso corretto di una navigazione primaria può essere uno degli strumenti più potenti per orientare gli utenti sul proprio sito. A seguire le regole d'oro per la navigazione:

  • marcare esplicitamente l'oggetto di navigazione selezionato usando un colore di sfondo diverso (e più appariscente). Solitamente cambiare solo il colore del testo non è sufficiente.
  • Assicurarsi che le etichette di navigazione combacino con le testate delle pagine di riferimento.

4. Navigazione secondaria

Ancora, potrebbe sembrare ovvio ma lo ricordiamo ugualmente: così come la navigazione primaria porta il visitatore alle sezioni del sito, la navigazione secodaria definisce i percorsi alle specifiche pagine. Le stesse regole viste per la navigazione primarie si possono applicare anche in questo caso, in particolare il sottolineamento dell'elemento di navigazione selezionato.

5. Collegamenti

I collegamenti dovrebbero comunicare con chiarezza dove porteranno il visitatore. Il testo dei collegamenti dovrebbe essere descrittivo in maniera tale che i visitatori non debbano provare ad indovinare dove li porterà il collegamento.

Le regole importanti da seguire per i collegamenti sono:

  • gli utenti sono portati maggiormente a cliccare su un collegamento se riescono a dedurre dove li porterà. Da evitare assolutamente quindi termini come "Cliccate qui" , che non sono di nessun aiuto.
  • il testo dei collegamenti dovrebbe combaciare con la testata della pagina di destinazione (se rilevante).

CONTINUA A LEGGERE LA SECONDA PARTE >>

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Pier Paolo
Condividi le tue opinioni su questo articolo!