Guida 3D Studio Max

Guida a 3D studioMax, potentissimo software per la grafica tridimensionale per progetti professionali

  1. Concetti di baseBenvenuti nel programma Apprendimento di 3D Studio MAX. I corsi interattivi mirati a compiti specifici qui contenuti presentano diverse situazioni che è possi
  2. Uso della modalità avanzata e delle finestre di dialogoL'opzione di Modalità avanzata consente di visualizzare finestre di visualizzazione più grandi per gli utenti esperti che sono in grado di operare con le
  3. Controllo della visualizzazione tramite le scelte rapide da tastieraIn questa lezione si apprenderà l'uso di alcune delle scelte rapide di controllo visualizzazione disponibili di default in 3DS MAX. È possibile definirne
  4. Modifica delle configurazioni di finestra tramite le scelte rapide da tastieraÈ possibile modificare la configurazione delle finestre di visualizzazione facendo clic destro sull'etichetta-titolo della finestra per aprire il relativo
  5. Controllo dell'animazione tramite le scelte rapide da tastieraL'unico strumento disponibile nella schermata della Modalità avanzata è il cursore della barra del tempo. Si noti che i pulsanti di spostamento in avanti
  6. Uso della modalità chiave in modalità avanzataSebbene sia possibile definire una scelta rapida da tastiera per la modalità chiave, essa non rientra tra le impostazioni di default di 3DS MAX. Per utilizzare la
  7. Animazione in modalità avanzataIn modalità avanzata è possibile eseguire una quantità limitata di animazione, sebbene l'accesso a tutte le parti del pannello Modifica non sia dis
  8. Uso delle funzioni dei sistemi particellariI sistemi particellari sono oggetti in grado di generare sub-oggetti denominati particelle per la simulazione di effetti quali la neve, la pioggia, la polvere, ecc. Le
  9. Uso delle funzioni di base di Serie particellareLo strumento Serie particellare (Serie part.) consente di realizzare due tipi di effetti particellari. Esso può essere impiegato pe
  10. Creazione di un sistema particellare Serie particellare per la sezione di scarico del razzoIn questo compito, si procederà a creare un sistema particellare Serie particellare e a collegarlo alla sezione di scarico del razzo, che funge da oggetto di distrib
  11. Regolazione del modello di emissione particellareIn questo compito, si procederà a impostare il modello di emissione di particelle dalla sfera al fine di creare un flusso particellare. 1. Nell
  12. Gestione delle particelleLa tendina parametri Generazione particelle consente di controllare il momento e la velocità di formazione delle particelle, nonché la loro dimensione nel tem
  13. Assegnazione del materiale alle particelleLa tendina parametri Tipo particella consente di specificare il tipo di particella utilizzato ed il tipo di mappatura eseguito su di essa. In questo compito, si provveder&a
  14. Assegnazione del movimento alle particelleOltre a produrre effetti movimento, le impostazioni della tendina Parametri rotazione particella incidono sulla rotazione delle particelle. La tendina parametri di E
  15. Aggiunta di tracciati alle particelleLe opzioni della tendina Creazione particelle consentono di specificare cosa succede alle particelle alla loro sparizione, oppure al momento della loro collisione con
  16. Sostituzione delle particelle con oggetti meshIn questa lezione, si potrà osservare come Serie particellare consenta l'uso di un oggetto mesh per sostituire le particelle del sistema e creare uno stormo di