Redazione
a- a+

Guida Access 2010 del nuovo Office

Dopo Word 2010 ed Excel 2010, è la volta di Access 2010, il nuovo software per la progettazione e la distribuzione di applicazioni di database che consente di memorizzare i dati nel PC, di pubblicarli sul web e di sincronizzarli con Microsoft SharePoint Server 2010, beneficiando anche di una protezione centralizzata dei dati stessi...

Dopo Word 2010 ed Excel 2010, è la volta di Access 2010, il nuovo software per la progettazione e la distribuzione di applicazioni di database che consente di memorizzare i dati nel PC, di pubblicarli sul web e di sincronizzarli con Microsoft SharePoint Server 2010, beneficiando anche di una protezione centralizzata dei dati stessi. La possibilità di estendere il database sul web consente agli utenti che non dispongono di un client Access di aprire maschere e report tramite un browser.

Diverse le novità e le migliorie apportate da Microsoft alla nuova versione di Access, a partire dal nuovo generatore di macro che offre funzionalità IntelliSense, presenti anche nel generatore di espressioni semplificato e implementato. IntelliSense, spiega Microsoft, significa informazioni rapide, descrizioni comandi e completamento automatico, e, in termini di benefici, riduzione degli errori, del tempo necessario per memorizzare nomi e sintassi delle espressioni e maggiore tempo a disposizione per la creazione di logica dell’applicazione.

Altra novità di Access 2010 è costituita dalle maschere di spostamento, che mandano in soffitta il tradizionale pannello dei comandi e che consentono di creare un sistema di navigazione fra maschere e report del database in maniera semplice, intuitiva e veloce.

Access 2010, inoltre, permette di creare maschere di spostamento con aspetto analogo a quello del web, in modo da rendere più accessibili le maschere o i report di uso frequente, senza che sia necessario scrivere codice o logica. Sei i modelli di spostamento predefiniti a disposizione dell’utente, con una combinazione di schede orizzontali o verticali.

Per approfondimenti si rimanda alle pagine ufficiali predisposte da Microsoft e ai manuali dedicati ad Access 2010.

Autore: Marcello Tansini



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Luca
Ti è piaciuto l'articolo?