Luca Bigon
a- a+

I primi passi di una lunga avventura

Sono moltissimi i visitatori di WebMasterPoint.org che utilizzando quotidianamente Windows come Sistema Operativo di default. Molti sono costretti per esigenze lavorative molti altri perché non hanno ne la voglia ne il tempo di provare S.O. alternativi, ma la maggior parte dei visitatori utilizzano Windows perché non sono a conoscenza delle alternative che al giorno d'oggi si possono trovare.

Per questo motivo WebMasterPoint.org ha deciso di aiutare tutti coloro che vogliono cominciare a conoscere Linux, e in generale tutti i Sistemi Operativi Unix-like, pubblicando delle piccole guide e dei piccoli tutorial che permettano anche ai meno esperti di installare e utilizzare questo fantastico S.O.
Inoltre WebMasterPoint.org mette a disposizione di tutti gli utenti iscritti alla web-community un potentissimo Forum di discussione che potete trovare all'indirizzo http://forum.webmasterpoint.net; questo forum può essere utilizzato per segnalare eventuali problemi nella configurazione di Linux o per discutere in generale delle potenzialità dei Sistemi Operativi OpenSource.

Primo passo: le motivazioni che spingono gli utenti Windows a provare Linux.

Nella maggior parte dei casi si cambia Sistema Operativo perché non ci si sente in alcun modo soddisfatti di quello in uso. Un utente domestico utilizza quasi sempre Windows XP, Me o 98; Sistemi Operativi senza ombra di dubbio molto semplici da usare, molto intuitivi ma allo stesso tempo pieni di problemi (non ditemi che non si è mai bloccato il vostro Windows!!). Problemi che spesso e volentieri portano gli utenti alla disperazione ma, cosa più importante, portano a perdere molto tempo prezioso! 
Oltretutto i Sistemi Operativi di casa Microsoft non sono stati studiati, almeno quelli domestici, per un uso multi-utente o se lo sono non offrono alcun tipo di protezione dei contenuti. Questo ovviamente può creare dei grossi problemi se si vuole nascondere a un componente della famiglia alcune informazioni come, per esempio i siti web visitati o le E-Mail ricevute. 
Per quanto poi riguarda la sicurezza a livello globale Microsoft ha cominciato solo con Windows XP a rilasciare un programma che faccia, o meglio tenta di fare, da firewall. E come tutti sanno al giorno d'oggi nessuno si fida più a navigare su internet senza un'adeguata protezione. Per ultimi ci sono i virus o i worms, pericolosissimi programmi che portano solo guai agli utenti di Windows. Per proteggersi dai virus occorre avere un buon antivirus come il TrendMicro o il Norton o altri. Ma per essere realmente sicuri risulta di fondamentale importanza aggiornare ogni minuto il proprio antivirus! Incredibile vero??
Ma non basta. Se si vuole aggiornare il proprio Windows occorre accettare delle licenze a dir poco paurose (leggete questo articolo di Paolo Attivissimo: http://www.apogeonline.com/webzine/2002/09/03/01/200209030101); ciò vuol dire che il proprio PC non sarà mai sicuro!
Per quanto riguarda invece i Sistemi Operativi Professionali di casa Microsoft le cose sono leggermente migliori. Virus e worms restano sempre delle pericolosissime insidie ma, quanto meno, si riesce a garantire un po' di privacy.

Oltre a motivazioni strettamente legate alla privacy ci sono anche quelle economiche. Al giorno d'oggi Windows XP Professional costa più di 250 euro, soldi che servono per avere Windows e basta! In più se si vuole lavorare con un buon word processor si deve pagare circa 500 euro. Ma non basta! Un antivirus decente costa sulle 50 euro, altri 50 euro vanno per un buon firewall. 
Ciò significa che un utente Windows che vuole restare in regola nelle migliori delle ipotesi deve sborsare circa 850 euro.
Ora se si somma il costo dell'hardware del proprio PC con quello del software si scopre che per mantenere il proprio PC aggiornato occorre spendere delle cifre elevatissime!

Con Linux le cose sono del tutto diverse. Prima di tutto si lavora con un Sistema Operativo OpenSource (voglio sin dalla prima lezione fare chiarezza: OpenSource vuole dire Codice Aperto; ciò non vuole dire che il programma sia gratuito ma che sia Aperto. Quindi un programma OpenSource può tranquillamente essere a pagamento!) rilasciato gratuitamente; attorno a Linux (Linux è il kernel che permette di interfacciare i componenti hardware di un PC) si sono create le distribuzioni Linux che non sono altro che Società o gruppi di appassionati che assemblano i vari componenti di Linux con programmi di tipo OpenSource o Commerciali.
Attualmente ci sono moltissime distribuzioni sia commerciali che gratuite; ogni distribuzione segue una propria filosofia per esempio la Debian integra solo programmi rilasciati con licenza GPL o GNU e testati a lungo (per garantire una sicurezza assoluta), la Slakeware tende alla purezza assoluta, la RedHat punta a mantenere aggiornati i software ecc..

Eccovi alcuni link utili:
Slackware: http://www.slackware.org
Debian: http://www.debian.org
RedHat: http://www.redhat.com
Mandrake: http://www.mandrake.com
Se poi si va al sito http://www.linux.org si può scoprire l'elevatissimo numero di distribuzioni Linux disponibili, distribuzioni che ormai permettono di soddisfare ogni tipologia di utente.

Per quanto riguarda la sicurezza del Sistema Operativo, Linux e in generale tutti i Sistemi Operativi Unix-like non hanno eguali. Infatti Linux è sempre stato un S.O. multi-utente e per questo motivo integra un potentissimo sistema di controllo dei diritti. Infatti è possibile settare i diritti di lettura, scrittura e di esecuzione di ogni file o cartella. Un esempio molto importante è la cartella /home nella quale trovano spazio le cartelle personali di ogni utente. Nella cartella personale di ogni utente solo il proprietario può entrare con i diritti di scrittura. Gli altri utenti, se sono fortunati, possono solo leggere i file. Se poi si vuole avere il massimo della sicurezza locale basta settare i diritti di lettura, scrittura ed esecuzione solo al proprietario della cartella mentre agli altri si toglie ogni diritto (chmod 700 /home/mionick/).
Oltre a questo bisogna ricordare che solo l'utente root (l'amministratore del sistema) ha pieni diritti di lettura, scrittura ed esecuzione del sistema. Ciò significa che solo root può mettere in pericolo il funzionamento del Personal Computer. Gli utenti comuni del PC al massimo possono leggere i file di configurazione ma non hanno l'autorizzazione a modificarli.
Ultimo punto da prendere in esame è la sicurezza che Linux offre. A livello di Kernel Linux permette di configurare un piccolo firewall (iptables) che consente di impostare gli utenti che possono identificarsi nel PC. Molte distribuzioni rilasciano anche dei propri programmi che permettono di aumentare la sicurezza del PC (SuSE per esempio distribuisce assieme al Sistema Operativo il firewall SuSE-personalFirewall); l'insidie maggiori restano comunque i programmi che girano in background, programmi che magari lasciano involontariamente aperte delle porte o che con dei piccoli exploit permettono ad un aggressore di ottenere i diritti di root. Ma se si procede all'aggiornamento costante di questi programmi si può raggiungere un elevatissimo livello di sicurezza. 
Anche Linux è vittima di piccoli worms ma la procedura d'installazione di quest'ultimi è molto più complessa in confronto a quanto succede con i Sistemi Microsoft. Un worms si può installare nel vostro PC solo ed esclusivamente se viene avviato con i diritti di root. Ma se lavorate come utenti comuni le possibilità di essere infettati sono quasi nulle.

Per quanto riguarda i costi posso affermare che sono nettamente inferiori ai 850 euro stimati con Windows. Se si vuole si può avere tutto gratuitamente (si scarica una distribuzione da internet o la si compra con una rivista, si scarica OpenOffice come programma per l'ufficio, antivirus non servono e il firewall è gia presente nel kernel) o acquistando una distribuzione in scatola, come la SuSE (80 euro) e lo StarOffice per l'ufficio (70 euro) si possono raggiungere al massimo i 150 euro. Un bel risparmio di 700 euro!

 

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Lorenzo
Hai qualche domanda da fare?