Come formattare correttamente il disco rigido

Formattare... non è poi così difficile

Rispondo ad una questione molto frequente. Seppure io dia per scontata la procedura da eseguire per la formattazione del disco rigido, a quanto pare per molti non è così, quindi verrò loro incontro attraverso questo piccolo tutor.

I motivi per cui spesso si rende necessaria la formattazione del disco rigido o partizione ospitante il sistema operativo ed i programmi, sono molteplici: dal mancato ed irrecuperabile avvio di Windows alla più semplice necessità di rendere più fluido e pulito un sistema operativo oramai troppo datato e pieno di librerie dll inutili, chiavi di registro scollegate, modifiche di sistema troppo radicali ecc.

Devo confessare che eseguo questa operazione periodicamente e sistematicamente, poichè detesto il disordine, sia sulla scrivania che, figuriamoci, nel mio computer (anche perchè testare programmi beta non è operazione scevra da pericoli) e, nonostante quello che si può pensare, con i programmi giusti - vedi Drive Image di Power Quest (di recente acquisito da Symantec), Ghost della Symantec, Acronis True Image ed altri - questa routine non impegna più di dieci minuti. Il guadagno è sicuro! In effetti i tools sopra menzionati si occupano non solo del ripristino del sistema Windows (o altro - in quanto fotografa i cluster e non copia i files), ma formatta automaticamente l'hard disk, prima di ricostruire l'intera superficie del disco da un file immagine creato precedentemente.

Dunque, se non si ha Drive Image o simili, come si procede per formattare il disco rigido e prepararlo ad accogliere i file di sistema ed il sistema operativo completo?

Necessariamente abbiamo bisogno innanzitutto di un disco, detto "di ripristino o "di avvio". E' indifferente se utizziamo Windows 98 o Millennium o gli OS basati su kernel NT. Windows 2000/XP/2003 permettono, direttamente durante la fase di inizializazione del setup da CD-Rom, di eseguire diverse operazioni sui volumi presenti sulla macchina, ivi compresa, come ovvio, la formattazione (in FAT32 o NTFS), ma non vi sarà possibile copiare i file di sistema DOS; di conseguenza non potrete abilitare un OS alternativo per la manutenzione del PC. E' per questo motivo che preferisco formattare sempre con la vecchia metodolgia DOS.

Procedura:

Utilizzando Windows 98/ME, andate nel Pannello di controllo, cliccate sull'icona "Installazione applicazioni" , quindi su "Disco di ripristino". Windows si occuperà di copiare i files su di un floppy disk preventivamente formattato. A tal proposito vi consiglio di creare questo dischetto a scopo preventivo.

Utilizzando Windows XP, sarà sufficiente posizionarsi sull'icona del floppy disk e, da tasto destro, selezionare la voce "Formatta" e dalla finestra di dialogo "Copia file di sistema". Il disco creato sarà identico a quello generato da un OS Windows Millennium.

Avviate il sistema con il disco di avvio appena creato ed al prompt di MS-DOS avrete, alla fine della fase di caricamento del disco floppy, la seguente schermata:

a:>

A questo punto digitate quanto segue:

Format C:/S      

(il comando "S" Copia i file di sistema in uso IO.SYS, MSDOS.SYS e COMMAND.COM
    dall'unita' disco di avvio del sistema. Se FORMAT non riesce a trovare
    i file di sistema in uso, richiede l'inserimento di un disco di
    sistema adeguato)

Dovrete confermare l'operazione richiesta...

Rispondere sì (S) e l'hard disk (o partizione) verrà formattato.

Una volta terminata l'operazione vi verrà richiesto di dare una "etichetta"...ad esempio: "Win_XP".

Fatto, non vi resta che reinstallare Windows...

Rosario Marcianò



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'Ŕ 1 commento
Marcello
Ti Ŕ piaciuto l'articolo?