Manualandia
a- a+

Tipi di dati personalizzati

Vedremo ora cosa vuol dire programmare ad oggetti, ovvero la creazione e l'uso delle classi e dei tipi di dati.

 

In Visual Basic, così come in altri linguaggi, è possibile definire tipi di dati personalizzati, mediante l'utilizzo dell'enunciato Type. La sintassi generale per dichiarare un tipo di dato personalizzato è:

 

 

[Private ¦ Public] Type nomeTipo

            nomeElemento [([subscripts])] As tipo

            [nomeElemento[([subscripts])] As tipo]

            …

End Type          

In cui:

·         la parola Public (facoltativa) rende il tipo di dati disponibile a tutte le procedure di tutti i modulo del progetto;

·         la parola chiave Private indica al contrario che il tipo di dati personalizzato è disponibile solo all'interno del modulo nel quale il tipo di dati è stato dichiarato;

·         la voce nomeTipo  corrisponde al nome assegnato al tipo di dati dal programmatore;

·         la voce nomeElemento corrisponde al nome di un elemento del tipo di dati personalizzato,

·         la parte subscripts specifica le dimensioni di un elemento matrice (array). Per dichiarare una matrice di dimensioni variabili si utilizzano solo le parentesi tonde senza specificare nulla all'interno di esse. L'elemento subscripts prevede la sintassi: [min To] max [,[min To] max] … (se si omette la parte min, il limite inferiore della matrice viene controllato dall'enunciato Option Base, che per default è 0);

·         tipo specifica il tipo di dati dell'elemento.

Esempio:                     

Type DatiGioco

IniziaGioco As Boolean

NumeroIterazioni As Integer

MaxIterazioni As Integer

Segreto As Byte

Indovina As Byte

Messaggio As String

End Type

 

Esempio con matrici:

Type MiniFoglioCalcolo

NumRighe As Byte

NumCol As Byte

Celle(50,50) As Double

SommaCol(50) As Double

SommaRighe(50) As Double

SegnalaErrore As Boolean

MessaggioErrore As String

End Type

 

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Graziano
Hai qualche domanda da fare?