Marcello Tansini
a- a+

Registrazione Domini .IT

Introduzione alla Registrazione di Nomi di Dominio: Principali Regole e Differenze sulla registrazione dei nomi di dominio .IT

In questa seconda lezione cerchiamo di capire come fare a registrare un dominio ( per dominio intendiamo www.nomechesidesidera .it o .com .net o .org ) che sia di nostra proprietà, cercando di considerare tutte le variabili che vi sono e di come funzionano i meccanismi "burocratici" e organizzativi che sottendono alla registrazione di un proprio dominio.

Decidere di registrare un dominio è il primo passo importante per dare un nome, per dare un "marchio" sotto cui raggruppare le proprie pagine web.

Quindi, per questo, come per tutti i marchi, è importante cercare di trovare un nome accattivante a livello di marketing, possibilmente breve e facile da ricordare.

Se è occupato il nome che si desidera, come spesso accade, ci si può aiutare utilizzando alcuni caratteri come "-" o aggiungendo la denominazione della propria società ( srl,snc, spa ) alla fine del dominio o ancora aggiungendo per i domini .com/net al nome del dominio la seguente dicitura: "-italia" o "group", facendo anche sottintendere una portata internazionale della propria azienda.

I principali domini che, oggi, si possono registrare in Italia sono i domini .it e quelli .com,.net,.org

Ve ne sono anche alcuni di minore importanza, come il .tv, di cui sconsiglio vivamente l'acquisto perchè trattasi di semplici operazioni commerciali.

Più interessanti sono i nuovi domini che dovrebbero essere disponibili da primavera e di cui abbiamo già parlato in un nostro precedente articolo di cui vi consiglio la rilettura.

Ancora in fase di stallo, sono, infine, i domini .eu, quelli della comunità europea, la cui venuta è ancora da definirsi.
Non si è ancora deciso, tra le tante cose, chi sarà l'organismo che se ne occuperà, se sarà a livello centrale o a livello delle singole nazioni e se i domini saranno del tipo www.nomechesidesidera.eu oppure www.nomechesidedera.it.eu con il nome quindi della nazione che precede il .eu

Molte volte mi domandano la differenza tra un dominio .it e un .com e ancora la differenza tra un .com e un .net

Diciamo che il dominio .it è da preferirsi quando si sa, già, inizialmente che il sito avrà portata nazionale, oppure quando si vuole trasmettere agli utenti esteri il marchio di made in italy... a tal proposito sono molte le società straniere di moda e design che registrano un .it per fregiarsi del nostro marchio di qualità.

I domini .com, in origine erano destinate ad attività commerciali internazionali, ora non è è più così e, anzi, sono assolutamente interscambiabili con i domini .net

Anzi, questi ultimi, proprio per il fatto che si concludono con il .net, ricordano a molti italiani la Rete, e da sondaggi di marketing emerge che sono tra i preferiti degli italiani perchè si ricordano più facilmente.

I domini .it si possono registrare in un un numero infinito, senza nessuna limitazione, se si è un società, uno studio professionale, un operatore pubblico, una associazione, un professionista con partita iva.

Per ognuna di queste categorie di persone, vi è un apposito documento da spedire via fax completato e firmato alla Registration Authority Italiana, che a sede a Pisa. 

I privati, che dispongono solo di codice fiscale, possono registrare un solo dominio.

Normalmente in questa lettera di richiesta di dominio che si spedisce per registrare il dominio, si deve specificare un maintener, cioè una società, una delle tante che ci sono in Italia, che, tramite specifici accordi, con la Registration Authority, può registrare per conto dei propri utenti i domini che si desiderano.

Si può anche registrare un dominio direttamente facendo richiesto alla Registration Authority, ma questa operazione ha un costo assolutamente fuori mercato, e quindi è consigliabile rivolgersi ai soliti siti di registrazione o al proprio service provider.

I tempi di attesa, sono di circa due giorni lavorativi dalla spedizione del fax, per avere registrato il proprio dominio .it

Tutto il tempo che passa in più, è colpa del maintener che non conferma alla Registration Authority che quel determinato dominio è proprio richiesto tramite la sua organizzazione.

Ultima regole interessante approvata di recente, è il fatto di poter registrare anche domini di nomi geografici ( come per esempio i comuni ) senza dover essere un comune e senza dover mettere davanti il suffisso comune e la provincia di appartenenza ( prima ad esempio se si voleva registrare il nome della città di Sesto San Giovanni si doveva registrare il lunghissimo dominio www.comune.sestosangiovanni.mi.it )

Comunque, se volete avere maggiori informazioni per registrare i domini .it, basta rivolgersi al sito ufficiale www.nic.it 

Nella prossima lezione ci occuperemo della registrazione dei domini .com, .net, .org e anche .edu



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Lorenzo
Hai qualche domanda da fare?