Christian Castelli
a- a+

Tre regole per lavorare da casa senza andare in ufficio. Da seguire assolutamente!

Uno degli aspetti più importanti riguaranti la possibilità di lavorare da casa è la libertà di cui si può godere: si è liberi di cominciare a lavorare all'ora che si desidera, di vestirsi come si vuole e lavorare per il tempo necessario. Giusto? Beh probabilmente non proprio.

Uno degli aspetti più importanti riguaranti la possibilità di lavorare da casa è la libertà di cui si può godere: si è liberi di cominciare a lavorare all'ora che si desidera, di vestirsi come si vuole e lavorare per il tempo necessario. Giusto? Beh probabilmente non proprio.

In realtà lavorare da casa non funziona proprio così, almeno secondo la nostra esperienza. Di solito si finisce per lavorare anche più di quello che fareste in ufficio.

Le aspettative

I punti cruciali riguardo all'attività lavorativa domestica sono le aspettative di tutti:

  • le vostre aspettative;
  • quelle dei vostri amici e familiari;
  • quelle dei vostri clienti e impiegati.

Tutte queste aspettative creano una certa pressione che porta ad orari di lavoro più estesi e un bilancio lavoro/vita tutt'altro che perfetto. Per mantenere il giusto equilibrio tra la propria vita e il lavoro, queste aspettative devono essere gestite con perizia.

Le tue aspettative

Quando si comincia a lavorare da casa si prospetta una vita a rose e fiori, in cui si ha la possibilità di gestire tutte le nostre attività (che normalmente non faremmo) durante l'arco della giornata. Poi la realtà colpisce duro: se si vuole lavorare da casa, si devono affrontare insidiose pressioni:

  • si deve essere disponibili a rispondere al telefono ogni volta;
  • cosa penseranno i clienti se non mi trovano?
  • si devono porre delle deadline anche se in pratica non si riuscirebbe a portare a termine in tempo il lavoro nel tempo richiesto, pena la possibilità di sembrare poco seri;
  • si deve controllare spesso la propria casella di posta elettronica.

Si finirà con l'aggiungere stress, con il lavorare maggiormente senza staccarsi mai dal proprio lavoro. E' difficile chiudere e lasciare il negozio se ci si vive dentro.

Le aspettative di amici e familiari

Dal momento che siete a casa, qualcuno finirà per chiedervi se potete sbrigare la tal faccenda o qualcos'altro. Quest' aspetto sarà familiare ai lavoratori domestici che vivono con qualcuno. E' molto facile infatti che le altre persone si dimentichino che state lavorando piuttosto che "giocherellando" al PC.

Le aspettative dei vostri clienti ed impiegati

Sia che lavoriate per conto vostro o per un'azienda, i clienti si aspettano di potervi contattare durante il normale orario lavorativo, il che potrebbe essere un problema se voi e i vostri clienti /impiegati non risiedete nello stesso continente.


Le tre regole d'oro:

1. Fate un prospetto preciso delle ore lavorative e attenetevi a quello

Sicuramente ci saranno giorni in cui dovrete fare gli straordinari per stare al passo con le scadenze del vostro calendario, ma per tutti gli altri giorni cercate di mantenere stabile l'ammontare di ore lavorative. Informate familiari e amici che durante tali ore preferite non esser disturbati.

2. Delineate il vostro spazio di lavoro

Nascondete o coprite il vostro spazio di lavoro quando non state lavorando. E' importante esser in grado di allontanarsi dal vostro luogo di lavoro senza sentire la pressione di tornare indietro a finire qualcosa. Chiudete quindi la porta del vostro ufficio casalingo, coprite la scrivania con un telo alla fine della giornata per rendersi conto visivamente che non siete al lavoro.

3. Tenete aggiornati i vostri clienti su ciò che state facendo

Rimanete in contatto con i vostri clienti regolarmente attraverso qualsiasi mezzo: instant messaging, email, telefono o altro mezzo.


Conclusioni

E' dunque possibile mantenere un certo equilibrio fra la vostra vita privata e quella lavorativa, a patto che riusciate a disciplinarvi. Rendete inoltre partecipi le persone riguardo a ciò che state facendo e che volete ottenere.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

Ci sono 1 commenti
Anonimo
capisco che non sia del tutto una passeggiata... ma mi spieghi come hai fatto a trovare un lavoro di programmatore da casa? Quali ditte mettono in pratica questa modalità? Perchè è da mò che cerco su internet qualcuno che lo faccia ma... neanche l'ombra !!