Barninga Z
a- a+

Il flusso elaborativo: goto

goto

Il C supporta un'istruzione che ha il formato generale: 

goto etichetta;
    ....
    etichetta:

oppure: 

etichetta:
    ....
    goto etichetta;

L'etichetta può essere un qualsiasi nome (sì, anche Pippo o PLUTO) ed è seguita dai due punti (":"). L'istruzione goto è detta "di salto incondizionato" , perché quando viene eseguita il controllo passa immediatamente alla prima istruzione che segue i due punti che chiudono l'etichetta. E' però possibile saltare ad una etichetta solo se si trova all'interno della stessa funzione in cui si trova la goto; non sono consentiti salti interfunzione. 

Per favore, non usate mai la goto. Può rendere meno chiaro il flusso elaborativo alla lettura del listato ed è comunque sempre[3] possibile ottenere lo stesso risultato utilizzando un'altra struttura di controllo tra quelle disponibili, anche se talvolta è meno comodo. 

La giustificazione più usuale all'uso di goto in un programma C è relativa alla possibilità di uscire immediatamente da cicli annidati al verificarsi di una data condizione, ma anche in questi casi è preferibile utilizzare metodi alternativi.

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Francesco
Hai dubbi su questo articolo?