Luigi Arlotta
a- a+

Le variabili

Una variabile è una locazione di memoria, accessibile tramite un nome scelto dal programmatore, in cui è contenuto un valore. Questo valore, solitamente impostato su un valore di default all'avvio, può essere variato durante l'esecuzione del programma. I nomi delle variabili possono essere composti da lettere maiuscole e minuscole, numeri e caratteri di sottolineatura ("_"). Non è possibile invece includere spazi o altri caratteri speciali nella definizione del nome di una variabile.

Tutte le variabili, prima di essere utilizzate devono essere dichiarate ed inizializzate. La dichiarazione di una variabile consiste nel sceglierne nome e tipo, che rimarranno inalterati durante l'esecuzione del programma. Per quanto riguarda il nome abbiamo già indicato come procedere. Il tipo invece indica cosa la variabile dovrà rappresentare e quindi il tipo di dati che verranno in essa memorizzati. Il concetto di tipo di dato è particolarmente importante, non solo in Java, ma in tutto il mondo dell'informatica. Generalmente si è soliti distinguere tra tipi atomici, o semplici e tipi strutturati. Anche per quanto riguarda Java si potrebbe fare una distinzione analoga. Per ora andiamo ad elencare e descrivere i tipi semplici.

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Staff
Ti interessano altri articoli su questo argomento?
Chiedi alla nostra Redazione!