Luigi Arlotta
a- a+

Il Tipo Intero

Si tratta di numeri interi positivi, negativi o pari a zero, ma senza la parte decimale. La dichiarazione ed inizializzazione di un numero intero avviene secondo la seguente sintassi:

int nomeVariabile = ValoreIntero;

dove int è la parola chiave utilizzata in Java per definire il tipo intero, nomeVariabile è il nome che abbiamo scelto per la variabile, ValoreIntero deve essere sostituito con un numero compatibile con il tipo indicato (cioè un numero positivo, negativo o zero). Le operazioni di dichiarazione e inizializzazione possono essere fatte anche in due momenti differenti. Ad esempio è possibile scrivere:

int nomeVariabile;
nomeVariabile = ValoreIntero;

ottenendo esattamente lo stesso risultato. Non è possibile eseguire un´operazione con una variabile che non sia stata inizializzata. Ad esempio sarebbe errato scrivere:

int nomeVariabile1;


int nomeVariabile2 = 1;
nomeVariabile2 = nomeVariabile1 + 5;

 

in quanto stiamo cercando di utilizzare la variabile nomeVariabile1 senza averla inizializzata, quindi non sarebbe possibile definire il risultato dell'operazione di addizione che compare nella terza riga. Un programma contenente istruzioni del genere provoca un errore in fase di compilazione. E' corretto invece scrivere:

int nomeVariabile1;
int nomeVariabile2 = 1;
nomeVariabile1 = nomeVariabile2 + 5;

Infatti nomeVariabile2 ha valore definito, quindi l'operazione eseguita consiste nell'inizializzazione della variabile nomeVariabile1 a 6.

Per eseguire operazioni con numeri interi utilizzeremo gli operatori matematici classici, ossia +, -, * e /, che indicano rispettivamente le operazioni di addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione. Fate attenzione all'uso dell'operatore di divisione (/), infatti, trattandosi di operazioni tra numeri interi, verrà scartata la parte decimale. Ad esempio il seguente codice:

int dividendo = 7;
int divisore = 2;
int quoziente;
quoziente = dividendo / divisore;
System.out.println (quoziente);

Fornirà come output il numero 3, in quanto la parte decimale (0.5) viene scartata. Per accedere all'informazione sul resto si può far uso dell´operatore di modulo, indicato dal simbolo "%" , come evidenziato nel seguente esempio:

int dividendo = 7;
int divisore = 2;
int quoziente;
int resto;
quoziente = dividendo / divisore;
resto = dividendo % divisore;
System.out.println (quoziente);
System.out.println (resto);

Il cui output sarà il risultato della divisione ed il resto, cioè 3 e 1.

Fate attenzione a come viene utilizzato il carattere " (virgolette) all'interno del codice. Tutto il testo che compare all'interno delle virgolette è considerato testo statico (una costante), mentre quello che non compare tra virgolette, quando non fa parte della sintassi del linguaggio, è considerato una variabile. Il seguente esempio evidenzia quanto detto.

int var1 = 3;
System.out.print("La variabile var1 contiene il valore: ");
System.out.println(var1);
System.out.print("La variabile var1 contiene il valore: ");
System.out.println("var1");

l'output del programma sarà:


La variabile var1 contiene il valore: 3
La variabile var1 contiene il valore: var1

La prima linea di output è quella esatta. Nella seconda riga invece il nome della variabile compare tra virgolette e quindi non viene sostituito con il valore in essa contenuto. Questo perché Java, come abbiamo già detto, considera tutto ciò che compare tra virgolette una costante.

Ricordiamo ancora che Java è un linguaggio case-sensitive, ovvero distingue tra lettere maiuscole e lettere minuscole. Se ad esempio scrivete:

int var1 = 3;
System.out.print("La variabile var1 contiene il valore: ");
System.out.println(Var1);

verrà visualizzato un errore in fase di compilazione in quanto Java non riconosce la variabile Var1 (scritta con la "V" al posto della "v"). A proposito delle lettere maiuscole e minuscole esistono delle convenzioni di cui parleremo in seguito che è opportuno rispettare al fine di rendere il proprio codice più leggibile. Per ricordate che in nomi delle variabili solitamente sono scritti con lettere minuscole

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Redazione
Ti interessano altri articoli su questo argomento?
Chiedi alla nostra Redazione!