ITportal
a- a+

JDBC e l'accesso ai database (Parte I)

Pagina 1 di 4

JDBC è un'eccellente interfaccia di programmazione che consente l'accesso ad un database da qualsiasi software Java. Le pagine JSP, in quanto modelli di classi Java, possono sfruttare appieno la potenza e la versatilità di JDBC. Per lavorare con un database sono sufficienti un DBMS ed un corrispondente driver JDBC o ODBC. Questa lezione fa luce su tali concetti.

Le applicazioni Web, nella stragrande maggioranza dei casi, fondano il proprio funzionamento sulla manipolazione delle informazioni provenienti da una base di dati. Trattando la tecnologia JSP, dunque, è impossibile non sfiorare l'argomento. Benché, in linea di massima, l'accesso ad un database da codice JSP possa essere effettuato osservando le comuni norme già valide per qualsiasi software Java, è conveniente dedicare alcune lezioni all'analisi delle applicazioni Web incentrate sulla manipolazione di una base di dati.

JDBC
JDBC (non è una sigla, secondo quanto sostenuto da Sun, anche se molti la interpretano come Java DataBase Connectivity) è un'interfaccia di programmazione che lavora da tramite tra codice Java e database. Più in particolare, JDBC racchiude una serie di classi che permettono l'accesso ad una base di dati mediante metodi e schemi di funzionamento che sono intuitivi e perfettamente in linea con lo stile di programmazione tipico del linguaggio di Sun. In sostanza, quindi, è possibile connettersi ad un particolare database sfruttando un apposito driver JDBC, costituito da una classe Java. Tutti i principali DBMS dispongono oramai di un driver JDBC appositamente studiato. Esiste poi un particolare driver, chiamato ponte JDBC-ODBC, che permette l'utilizzo di qualsiasi fonte di dati per la quale è disponibile un driver ODBC. Ogni DBMS dotato di un'interfaccia ODBC, ad esempio Microsoft Access, può così essere immediatamente sfruttato da Java e JSP, senza la necessità di un driver appositamente studiato per la connettività da applicazioni Java. Tra JDBC ed il ponte ODBC, quindi, Java è virtualmente dotato della possibilità di interagire con tutti i DBMS in circolazione.

LAVORARE CON JDBC
L'impiego di JDBC è semplice, e solitamente si articola attraverso quattro passi:

  1. Per prima cosa, è necessario caricare il driver idoneo per l'utilizzo del particolare database che si intende sfruttare. Può essere caricato un apposito driver JDBC installato in precedenza nel sistema, oppure può essere sfruttato il ponte JDBC-ODBC. Non è importante il nome o il funzionamento interno del particolare driver selezionato: l'interfaccia di programmazione sarà sempre la medesima.
  2. Si apre una connessione verso il particolare database necessario all'applicazione, sfruttando il driver caricato al passo precedente.
  3. Si impiegano l'interfaccia di JDBC ed il linguaggio SQL per interagire con la base di dati. Generalmente, viene sottoposta al DBMS una query volta all'ottenimento di alcuni risultati.
  4. I risultati ottenuti possono essere manipolati sfruttando le classi JDBC e del codice Java studiato per il compito.

Questo corso non si occupa di alcun particolare DBMS, così come non tratta in maniera approfondita gli argomenti legati all'impiego delle basi di dati e del linguaggio SQL. Tutto quello che sarà fornito in questa sede, pertanto, sarà un approccio generico a JDBC e all'impiego dei database, attraverso la descrizione sommaria del pacchetto java.sql e l'utilizzo di alcuni celebri DBMS.

Saranno inoltre descritte le più basilari istruzioni di SQL. Se non disponete già delle conoscenze necessarie per l'impiego di un particolare tipo di database, dunque, dovrete rifarvi a delle letture di specifico interesse, per esempio dei numeri arretrati della rivista.

Continua >>>



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Graziano
Hai qualche domanda da fare?