Componenti fondamentali di un programma

Ci sono alcuni concetti che sono alla base della conoscenza di Java:

Classi

Oggetti

Membri:

            - Attributi (dati)

            - Metodi

Package

Di seguito sono fornite al lettore queste fondamentali nozioni, allo scopo di approcciare nel modo migliore alle caratteristiche del linguaggio che saranno presentate a partire dal prossimo modulo. Anteponiamo però una convenzione ausiliare.

- Convenzione per la programmazione Java:

L’apprendimento di un linguaggio orientato agli oggetti, può spesso essere molto travagliato, specialmente si hanno solide "radici procedurali". Abbiamo già accennato al fatto che Java, a differenza del C++, praticamente ci obbliga a programmare ad oggetti. Non ha senso imparare il linguaggio senza sfruttare il supporto che esso da alla programmazione ad oggetti. Chi impara il C++, ha un illusorio vantaggio. Può infatti permettersi di continuare ad utilizzare il paradigma procedurale della programmazione, e quindi imparare il linguaggio insieme ai concetti object oriented, comunque mettendoli inizialmente da parte. Ci si può sempre esercitare creando funzioni e programmi chiamanti. In Java lo scenario si presenta più complesso. Inizieremo direttamente a creare applicazioni che saranno costituite da un certo numero di classi. Non basterà dare per scontato che "Java funziona così". Bisognerà invece cercare di chiarire ogni singolo punto poco chiaro, in modo tale da non creare troppa confusione, che a lungo andare, potrebbe scoraggiare il lettore. Per fortuna, con la sua chiarezza, Java ci aiuterà non poco, ed alla fine la soddisfazione di aver appreso in modo profondo determinati concetti, ci darà maggiore soddisfazione.

Proviamo da subito ad approcciare al codice in maniera schematica, introducendo una convenzione.

In questo testo distingueremo due ambiti quando scriviamo un’applicazione Java:

1) Ambito del compilatore (o compilativo, o delle classi)

2) Ambito della Java Virtual Machine (o esecutivo, o degli oggetti)

All’interno dell’ambito del compilatore, codificheremo la parte strutturale della nostra applicazione. L’ambito esecutivo ci servirà per definire il flusso di lavoro che dovrà essere eseguito.

Distinguere questi due ambiti ci risulterà utile per comprendere i ruoli che dovrebbero avere all’interno delle nostre applicazioni, i concetti che saranno introdotti in questo modulo.

 

 



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Pier Paolo
Condividi le tue opinioni su questo articolo!