Redazione
a- a+

Soluzione problema delle PNG con IE 6: hack

Trucchi per il formato PNG32 e Internet Explorer 6: ne vale la pena?

Nel corso dell'ultimo anno, SitePoint aveva trattato le qualità del formato PNG8, rispettivamente:

  1. File di piccole dimensioni;
  2. Supporto della trasparenza sul canale alfa in tutti i browser correnti;
  3. Non richiede l'uso di espedienti tramite JavaScript, ActiveX o altre tecnologie propietarie.

Sebbene, bisogna ammetterlo, dovevate essere preparati ad abbassare le vostre aspettative riguardo al rendering in IE 6, si è considerato significativo il passaggio di formato — in particolar modo quando cominciate ad affinare le vostre abilità tecniche di produzione di immagini in PNG8 che si degradano graziosamente in IE6.

Tenendo a mente quanto detto fin'ora, è stato interessante leggere un post di George Reilly riguardo ai trucchi effettuabili nell'utilizzo del formato PNG32 in IE6: George ha trascorso 7 anni lavorando su IIS per la Microsoft e può vantare due qualità non comuni:

  1. enormi capacità di debugging;
  2. una lista nera di contatti della Microsoft per domandare loro riguardo alle stranezze di IE6.

Ad ogni modo dopo aver realizzato un progetto di modifica della resa del formato PNG32 in IE6, Reilly e il suo team hanno trascorso i mesi successivi a combattere le inconsistenze presenti nel browser:

"Il problema se ne è stato alla larga per svariate settimane, ma verso la fine di Ottobre si è ripresentato come una vendetta, ricorrendo più volte al giorno. Alcune macchine ne sembravano immuni, alcune potevano riprodurre il problema nel 100% dei casi. Non c'era alcun banale collegamento; lo riproducevano su diverse versioni di IE6. Doveva essere sistemato: non potevamo presentare un'applicazione web che ogni tanto bloccava del tutto IE6".

Questo dev'essere il culmine degli incubi della fase di debugging: una problematica seria che mette in ginocchio un'applicazione - per esempio abbastanza seria da costringere l'utente a terminare forzatamente il proprio browser.

Persino la soluzione proposta da Microsoft - ossia precaricare le immagini attraverso JavaScript - non era stata di alcuna utilità nel contesto della loro particolare applicazione. Alla fine, George e il suo team decisero che ne avevano avuto abbastanza.

"Abbiamo deciso che non compiremo più sforzi eroici per far funzionare bene la nostra applicazione web su IE6, cosa che avviene per gli altri browser. Al di là dello straordinario ammontare di tempo speso per quanto concerne la trasparenza delle immagini PNG, combattere con IE6 ha portato via molto tempo anche per quanto concerne i suoi bug nella resa dei fogli di stile CSS."

Se considerate che molti di noi hanno incontrato tali problemi senza esserne nemmeno a conoscenza, quanto riportato da George dovrebbe farvi pensare due volte riguardo all'uso di PNG32 in IE6.



Ti potrebbe interessare anche

commenta la notizia

C'è 1 commento
Graziano
Hai qualche domanda da fare?